le notizie che fanno testo, dal 2010

M5S contro decreto 12 vaccini obbligatori: alimenta scontro Stato-cittadini

Il MoVimento 5 Stelle assicura che in Parlamento darà battaglia affinché il decreto che estende da 14 a 12 le vaccinazioni obbligatorie non venga convertito. "E' irricevibile. Innesca un clima di ulteriore scontro tra Stato e cittadini e tra opposte fazioni" avverte il M5S alla Camera.

Il MoVimento 5 Stelle si schiera a fianco di coloro che si battono per la libertà di scelta terapeutica. "Dopo aver dovuto attendere tempi giurassici, oggi (ieri, ndr) il decreto sui vaccini è stato ufficialmente licenziato e il nostro giudizio è netto: questo testo è irricevibile" chiarisce infatti in una nota il gruppo M5S alla Camera. "Il governo, - sottolineano i deputati in Commissione Sanità - invece di spiegare adeguatamente quanto e perché le politiche vaccinali sono fondamentali, sceglie di puntare direttamente su un approccio coercitivo che crea una pericolosa spaccatura nel Paese".

"Hanno triplicato il numero dei vaccini obbligatori, portandoli a 12 - una cifra che non ha eguali in nessun Paese europeo -: tutto questo quando in Italia non è stata registrata una situazione di emergenza epidemiologica tale da giustificare una decisione così estrema e senza che siano state minimamente motivate, per tempo e diffusamente, le ragioni che li hanno spinti a tanta drasticità" viene infatti chiarito dai pentastellati.

"Ma c'è di più: non si parla solo di inasprimento delle sanzioni, ma si arriva alla possibilità di segnalare i genitori inadempienti rispetto al calendario vaccinale al Tribunale per i minori. In sostanza è prevista la possibilità di perdere la patria potestà?" si domandano i 5 Stelle, ipotesi che ha fatto alzare le barricate anche al Moige.
"Questo approccio coercitivo esaspera gli animi e rischia di innescare un clima di ulteriore scontro tra Stato e cittadini e tra opposte fazioni. - avverte il M5S - Il governo ha deciso di forzare la mano per ragioni che non ha avuto nemmeno la decenza di chiarire attraverso campagne informative".

"Di fronte alla presenza diffusa di notizie e interpretazioni false o parziali sulle vaccinazioni il governo, invece di fare chiarezza e sciogliere i dubbi, ristabilendo un rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni, ha scelto di agire solo a valle del problema, imponendo l'obbligo. Di massicce politiche di contrasto alla disinformazione sui vaccini non ne abbiamo vista nemmeno l'ombra. - osservano i grillini - Un'altra via era ed è possibile, ma il governo ha deciso di non sentire ragioni e di andare dritto la sua strada senza neppure provare a instaurare un clima di confronto e ascolto nel Paese".
"Quel modello di ascolto, confronto, accompagnamento - con tanto di clausole di salvaguardia, in caso di rischio accertato di epidemie -, per ottenere le massime coperture vaccinali, che caratterizza l'approccio della raccomandazione e che il MoVimento sostiene e ritiene essere il più equilibrato", concludono.

© riproduzione riservata | online: | update: 08/06/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
M5S contro decreto 12 vaccini obbligatori: alimenta scontro Stato-cittadini
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI