le notizie che fanno testo, dal 2010

Trovata misteriosa particella di uranio 235 sopra Alaska. Da dove arriva?

Trovata nei cieli sopra l'Alaska una misteriosa particella di uranio 235, comunemente usato nel combustibile delle centrali nucleari e nelle bombe atomiche. Da dove arriva la contaminazione radioattiva?

E' ancora un mistero il ritrovamento di una particella di uranio arricchito nei cieli sopra le Isole Aleutine, arcipelago nell'oceano Pacifico settentrionale nei pressi dell'Alaska.
La scoperta è stata pubblicata in una abstract di uno studio apparso sul Journal of Environmental Radioivity, che sarà pubblicato integralmente ad aprile.
Il gruppo di scienziati statunitensi spiegano di aver rintracciato una sostanza "contenente una quantità molto piccola di uranio arricchito" ad un'altitudine di 7 km sopra le Isole Aleutine, durante un volo di routine per verificare le condizioni atmosferiche effettuato nell'agosto 2016.

"Durante 20 anni di campionamento aeronautico di milioni di particelle nell'atmosfera globale, raramente abbiamo incontrato una particella con un contenuto altrettanto elevato di uranio 238 e mai una particella con uranio 235" riferiscono. Chi effettua questi voli, infatti, ha come obiettivo non la ricerca di elementi radioattivi ma di esaminare quelle particelle di inquinamento, polvere, incendi e fonti simili in grado di influenzare per esempio la formazione del nuvole e mutare le condizioni meteo.

Ad essere isolata un'unica particella molto piccola, di una dimensione di 580 nanometri. Per questo motivo, gli scienziati assicurano che tale elemento radioattivo non ha un impatto significativo sull'atmosfera ma ciò non risolve i dubbi sulla sua provenienza. L'uranio 235 è comunemente usato nel combustibile delle centrali nucleari e nelle bombe atomiche, ma nonostante questo la fonte di contaminazione ad oggi non è stata ancora individuata.

Gli scienziati ipotizzano che la particella radioattiva potrebbe "provenire da un'area dell'Asia" non meglio identificata, anche se le zone più probabili calcolando le direzioni del vento sarebbero alcune parti della Cina, incluso il confine con la Corea del Nord ed il Giappone.

Nei giorni e nei mesi precedenti il 3 agosto 2016 c'è stato quindi un incidente o un test nucleare tenuto nascosto? Gli autori dello studio sostengono che la particella di uranio 235 non dovrebbe provenire né da FukushimaChernobyl ma piuttosto, se di incidente si trattasse, da un reattore di recente produzione.

Thomas Ryerson, uno dei ricercatori della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), parlando con Gizmodo auspica: "Speriamo che qualcuno in un campo non intimamente associato alla chimica dell'atmosfera possa dire 'a-ha!' E chiamarci". Il guanto di sfida agli esperti di radioprotezione è stato quindi lanciato.

© riproduzione riservata | online: | update: 17/02/2018
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Trovata misteriosa particella di uranio 235 sopra Alaska. Da dove arriva?
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI