le notizie che fanno testo, dal 2010

Borsa teme elezioni ed euroscetticismo Lega-M5S: spread in rialzo

I mercati temono le probabili imminenti elezioni in Italia, con Lega e M5S forse alleati. La borsa chiude in rosso e lo spread è ai massimi dal 2013.

Nonostante la giornata sia iniziata con spread in calo ed euro in rialzo, i mercati italiani chiudono in rosso. Sergio Mattarella non ha firmato il decreto di nomina a ministro dell'Economia per Paolo Savona proprio per il timore che le Borse crollassero. A quanto pare, però, l'incarico a Carlo Cottarelli, dopo le dimissioni di Conte, non ha sortito l'effetto sperato.

Piazza Affari ha chiuso a 2,08%, sotto i 22.000 punti, quasi azzerando i guadagni realizzati da inizio 2018. In forte rialzo anche lo spread. Questa mattina era sceso a 190 punti base, mentre a fine giornata è tornato a 235 punti, ai massimi dal 2013. Male anche il Ftse Mib che ha perso più del 2,5%. A soffrire in particolare il comparto bancario, fino al 4,8%.

A quanto pare i mercati temono le prossime elezioni in Italia. Difficilmente infatti il Parlamento voterà la fiducia a Carlo Cottarelli, che quindi traghetterà il Paese fino alle urne. La prossima campagna elettorale però sarà molto probabilmente incentrata sull'euroscetticismo della Lega e del M5S, che non è escluso si possano candidare in coalizione.

© riproduzione riservata | online: | update: 28/05/2018
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Borsa teme elezioni ed euroscetticismo Lega-M5S: spread in rialzo
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI