le notizie che fanno testo, dal 2010

Spaccia eroina durante affidamento in prova: un arresto nel padovano

Arrestato un 26enne tunisino.

"I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Piove di Sacco, a conclusione di specifica attività investigativa, questa mattina hanno dato esecuzione al provvedimento restrittivo emesso dall'Ufficio di Sorveglianza di Padova nei confronti di un cittadino tunisino 26enne, residente a Legnaro, già sottoposto alla misura alternativa alla detenzione dell'affidamento in prova al servizio sociale. L'attività d'indagine dei Carabinieri è iniziata nel mese di ottobre 2016, quando si era diffusa la voce nell'ambiente degli assuntori di stupefacente era diventato un vero e proprio punto di riferimento per lo spaccio di eroina, nei comuni di Legnaro e Piove di Sacco" viene segnalato in una nota dell'Arma.

La Benemerita riferisce dunque: "Le voci trovavano precisi riscontri con il proseguire delle investigazioni dei militari che sono riusciti a dimostrare numerosissime cessioni di eroina ad assuntori locali, per lo più perfezionate in prossimità di luoghi di aggregazione giovanile ed esercizi pubblici della zona, nel periodo compreso tra l'anno 2015 e il mese di novembre 2016. Secondo un semplice calcolo, le condotte illecite contestate risultano, approssimativamente, oltre 420, a dimostrazione dell'ampiezza del 'giro d'affari' gestito dal maghrebino. A rendere ancor più grave la sua posizione è la sua totale incuranza di di essere sottoposto al regime dell' affidamento in prova ai servizi sociali, concessogli dal Tribunale di Sorveglianza di Venezia, nel mese di gennaio 2016, a seguito della precedente condanna comminatagli dal Tribunale di Padova, nel gennaio 2014, sempre quale autore di reati in materia di sostanze stupefacenti."

I militari illustrano infine: "Per tale ragione, una volta accertata la sussistenza delle condotte delittuose e constatata l'assenza di qualsiasi forma di ravvedimento, il Tribunale di Sorveglianza di Padova sospendeva il beneficio di legge concessa al tunisino, disponendo, a suo carico, la più grave misura che contempla il regime carcerario. Pertanto, veniva raggiunto dai Carabinieri di Piove di Sacco presso la propria abitazione di Legnaro per essere tratto in arresto e, quindi, associato alla Casa Circondariale di Padova."

© riproduzione riservata | online: | update: 06/02/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Spaccia eroina durante affidamento in prova: un arresto nel padovano
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI