le notizie che fanno testo, dal 2010

SIS 118, Balzanelli: pochi medici e ambulanze, soccorso è terno al lotto

Mario Balzanelli, presidente nazionale del SIS 118, denuncia che "negli ultimi 7-8 anni il sistema di soccorso salva-vita è stato smantellato" visto che per le ambulanze si spende l'1,7% di tutta la spesa sanitaria nazionale.

"Negli ultimi 7-8 anni il sistema di soccorso salva-vita è stato smantellato. Oggi chiamare il 118 è un terno al lotto" denuncia Mario Balzanelli, presidente nazionale del SIS 118, ricordando che per le ambulanze "si spende l'1,7% di tutta la spesa della sanità nazionale, e che negli ultimi anni è stato chiuso il 50% delle Centrali operative".
Balzanelli spiega che la situazione è peggiore al Nord dove "di rado" a bordo delle ambulanze del 118 "ci sono medico e un infermiere in grado di intervenire con diagnosi e terapia immediata".
Al Sud, invece, la situazione è contraria ma ugualmente drammatica. Non è il personale sanitario a mancare ma proprio le ambulanze, con il rischio quindi che i soccorsi arrivino in ritardo.
Un po' in tutta italia, infine, "troppo spesso sulle ambulanze ci sono solo soccorritori, volontari o persone che hanno seguito corsi certificati di rianimazione ma che non possono intubare, dare farmaci, insomma salvare la vita alla gente" conclude Balzanelli.

© riproduzione riservata | online: | update: 02/05/2018
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
argomenti correlati:
farmaci sanità Sud
social foto
SIS 118, Balzanelli: pochi medici e ambulanze, soccorso è terno al lotto
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI