le notizie che fanno testo, dal 2010

Referendum, USA: vittoria No blocca investimenti. Ecco chi ha interesse nella riforma

Dopo Re Giorgio Napolitano, è l'ambasciatore statunitense a Roma ha sostenere che la vittoria del No al referendum costituzionale "sarebbe un passo indietro per attrarre investimenti stranieri in Italia". I dubbi sul chi abbia maggiore interesse per le riforme varate dal governo Renzi.

A questo punto c'è da chiedersi veramente chi abbia scritto la riforma costituzionale. Dopo l'intervento a gamba tesa di Re Giorgio Napolitano, che chiede al governo di modificare l'Italicum per tentare di sbaragliare di fatto il fronte del No al referendum, ecco che è il turno dell'ambasciatore statunitense a Roma, John Phillips.

Nel corso del convegno sugli effetti della Brexit sulle relazioni transatlantiche, il diplomatico infatti dichiara: "La vittoria del no al referendum sulle riforme costituzionali sarebbe un passo indietro per attrarre investimenti stranieri in Italia". Cosa centrino gli investimenti con la modifica della Carta Costituzionale non è ancora chiaro, mentre appare forse a questo punto fin troppo evidente chi abbia maggiore interesse per le riforme varate dal governo Renzi.

Soprattutto perché Phillips sostiene che Matteo Renzi (lo stesso ritratto dall'Economist con il gelato in mano) "ha svolto un compito importante ed è considerato con grandissima stima da Barack Obama, che apprezza la sua leadership". D'altronde, Obama considera una "statista" anche Hillary Clinton, nonostante abbia mentito sulle email conservate sul suo server di posta elettronica e probabilmente sul suo stato di salute.

© riproduzione riservata | online: | update: 13/09/2016
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI