le notizie che fanno testo, dal 2010

Ricerca: MIUR sblocchi i 430 milioni destinati all'IIT, dice Di Giorgi

Rosa Maria Di Giorgi del PD sui fondi per la ricerca.

"430 milioni immobilizzati in un conto presso la Banca d'Italia in passato destinati all'Istituto italiano di tecnologia da immettere con urgenza nel sistema della ricerca pubblica per Università e Enti pubblici" chiede in una interrogazione al ministro dell'Istruzione Valeria Fedelila senatrice Rosa Maria Di Giorgi, componente della Commissione Cultura del Senato.

"A fronte di una situazione comunque critica - spiega la parlamentare - derivante da politiche poco lungimiranti del passato non possiamo consentire che risorse destinate alla ricerca rimangano inutilizzate e l'unico caso accertato, a differenza di quanto leggo sulla stampa, è quello degli oltre 430 milioni di euro destinati all'IIT, mai utilizzati e di cui abbiamo avuto notizia in sede di audizioni ufficiali in Parlamento".

"Nella mia funzione ho modo di avere un quadro preciso della ricerca pubblica che fotografa una situazione certamente non soddisfacente, anche se negli ultimi anni il Parlamento e il governo hanno segnato una inversione di tendenza sia in termini di risorse destinate (stabilità 2016 e legge di bilancio esercizio 2017), sia di incremento di personale ricercatore che di semplificazione della normativa e dell'organizzazione (decreti Madia). Una serie di iniziative concrete - conclude la senatrice - per contribuire allo sviluppo di un settore così vitale per la crescita del nostro Paese".

© riproduzione riservata | online: | update: 09/02/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Ricerca: MIUR sblocchi i 430 milioni destinati all'IIT, dice Di Giorgi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI