le notizie che fanno testo, dal 2010

Ospedale di Nola: pazienti curati a terra. De Luca: al via indagine interna

Scoppia il caso del Santa Maria della Pietà, l'ospedale di Nola dove alcuni pazienti sono stati curati distesi a terra perché non c'erano letti e barelle a disposizione. Il Ministero della Salute invia degli ispettori e Vincenzo De Luca apre una indagine interna.

"Ho sentito il ministro Beatrice Lorenzin sul caso del Santa Maria della Pietà, il presidio sanitario di Nola, che mi ha assicurato che manderà gli ispettori. È una situazione intollerabile e scandalosa" dichiara Gioacchino Alfano, sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra in Campania, commentando il caso dell'ospedale dove alcuni malati sono stati adagiati a terra perché non c'erano letti e barelle a disposizione.

Il deputato Paolo Russo (Forza Italia), ha infatti pubblicato su Facebook una foto che raffigurava dei malati a terra nell'ospedale di Nola (Napoli), annunciando una interrogazione parlamentare.
"Altro che Vincenzo De Luca commissario alla Sanità - aveva sottolineato il parlamentare - mi interessa che prima di ogni manfrina politica si restituisca dignità ai miei concittadini. Se il Santa Maria della Pietà deve funzionare in questo modo è meglio chiuderlo perché di ospedali così si muore".

Scoppiata la polemica, è intervenuto anche il governatore della Campania De Luca disponendo "l'apertura immediata di una indagine interna per una puntuale verifica dei fatti e per accertare tutte le responsabilità".

© riproduzione riservata | online: | update: 09/01/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Ospedale di Nola: pazienti curati a terra. De Luca: al via indagine interna
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI