le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare: su deposito governo accumula ritardi e aumentano costi, dice M5S

Gianni Girotto del MoVimento 5 Stelle denuncia il ritardo del governo sul decommissionig nucleare sul deposito per i rifiuti radioattivi, che fa lievitare i costi in bolletta.

"Dopo l'incidente della centrale nucleare francese di Flamanville, di questa mattina, è ancora più urgente una riflessione politica sul nucleare. Come su altri temi, la posizione critica del M5S acquista di giorno in giorno credibilità, anche grazie alla forza degli eventi. Il nucleare non è solo una fonte di energia obsoleta, ma anche molto rischiosa", sostiene in una nota il senatore del MoVImento 5 Stelle Gianni Girotto.

"I costi del decommissionig nucleare, peraltro, sono ormai fuori controllo (si passa da una previsione di 4.300 milioni di euro del 2008 a 10.000 milioni di euro del 2014). - ricorda - La Commissione europea ha aperto una nuova procedura d'infrazione nei confronti del nostro Paese, a causa dei ritardi accumulati dal governo Renzi prima e Gentiloni adesso, sul completamento del Programma nazionale per l'attuazione della politica di gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi. Un documento sul quale Bruxelles attende una risposta da marzo 2014 e che tarda ad arrivare".

Come sottolineato anche in una recente interrogazione parlamentare rivolta ai ministri per l'Ambiente e Sviluppo economico, il pentastellato aggiunge: "Il destino del Programma nazionale è legato a doppio filo alla pubblicazione del Rapporto Ambientale (ancora grande assente) e la conclusione della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (Vas) del programma nazionale sulla gestione dei rifiuti radioattivi. Passaggio su cui è auspicabile un confronto diretto con la popolazione coinvolta che finora è mancato. Senza l'uno però non può esistere l'altro".

"A questo si sommano le ricadute dei ritardi sulla presentazione della Cnapi, ovvero la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee al Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi. È un cane che si morde la coda, su cui pesa la grave responsabilità del Governo che continua a tacere. - continua - Ad aggravare la situazione, se ce ne fosse bisogno, ci si mette il continuo rinvio nell'operatività dell'Isin (la nuova agenzia di controllo delle attività legate al nucleare) i cui componenti sono stati nominati ad agosto 2016, e che ancora non hanno assunto un ruolo attivo. Perché? Sono sorti problemi di natura tecnica oppure nella configurazione prevista dal decreto istitutivo mancano i requisiti di indipendenza e di autonomia come indicati dalla direttiva comunitaria?".

"E mentre attendiamo risposte alle tante domande poste, i costi del silenzio dell'esecutivo ricadono sui cittadini che si vedono addebitare sulla bolletta il saldo crescente del decommissioning e di questa insopportabile negligenza", conclude Girotto.

© riproduzione riservata | online: | update: 09/02/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Nucleare: su deposito governo accumula ritardi e aumentano costi, dice M5S
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI