le notizie che fanno testo, dal 2010

Tria: con flat tax e reddito di cittadinanza bisogna partire davvero

Il ministro dell'Economia Giovanni Tria conferma che la riforma fiscale e il reddito di cittadinanza non partiranno "in formato ridotto".

"L'avvio delle misure principali del contratto di governo è compatibile con i vincoli di finanza pubblica" assicura Giovanni Tria. Quando si parla di "misure principali" ci si riferisce ovviamente a flat tax e reddito di cittadinanza, e il ministro dell'Economia precisa che i due provvedimenti non partiranno "in formato mini". "Su riforma fiscale e reddito di cittadinanza bisogna partire davvero, e tracciare un calendario che indichi in modo nitido le misure da attuare nel 2019 e i progressi da compiere negli anni successivi" chiarisce infatti in una intervista a Il Sole24Ore.

Tria precisa inoltre che neanche il tema delle pensioni è abbandonato visto che il governo sta "studiando anche gli interventi previdenziali, con il vincolo che non incidano in modo troppo pesante sulla curva della spesa a medio e lungo termine".
Nonostante tale importanti interventi, il ministro chiarisce che "tutte le simulazioni su cui abbiamo lavorato si basano sulla mancata attivazione delle clausole di salvaguardia" e quindi al non aumento dell'IVA.

© riproduzione riservata | online: | update: 08/08/2018
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Tria: con flat tax e reddito di cittadinanza bisogna partire davvero
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI