le notizie che fanno testo, dal 2010

Dopo la Germania gli USA: attacco hacker a trasporti, si viaggia gratis

Prove generali di una imminente cyber guerra? Dopo il possibile attacco informatico alla Deutsche Telekom che ha mandato in tv telefono e internet in Germania, a San Francisco (USA) gli hacker hanno infettato i computer di una azienda di trasporti con un malware ransomware.

Gli hacker colpiscono ancora. Nella giornata di ieri la Deutsche Telekom è andata in tilt lasciando praticamente tutta la Germania senza telefono e internet. La compagnia di telecomunicazioni tedesca sostiene oggi che "ci sono alcuni indizi che alimentano il sospetto che potremmo essere stati vittime di un attacco informatico".

Nel fine settimana invece ad essere attaccato dagli hacker è stato il trasporto pubblico si San Francisco (Stati Uniti), tanto che per un paio di giorni i passeggeri avrebbero viaggiato gratuitamente. I database dell'azienda di trasporto pubblico "Sfmta / Muni" sarebbero stati colpiti da un attacco di tipo ransomware, un malware che blocca i dispositivi infettati richiedendo un riscatto, necessario per rimuovere le limitazioni.

Nel corso dell'attacco informativo, inoltre, sugli schermi installati sui mezzi e nelle stazioni sarebbe comparso un messaggio da parte degli hacker, firmato da un indirizzo email di Yandex, la società IT che possiede il più grande motore di ricerca in Russia (con il 64% del mercato locale), lanciato nel 1997 e classificato come l'ottavo nel mondo.

Prove generali di una imminente cyber guerra?

© riproduzione riservata | online: | update: 28/11/2016
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Dopo la Germania gli USA: attacco hacker a trasporti, si viaggia gratis
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI