le notizie che fanno testo, dal 2010

Francia: Procura apre indagine su anomalia in centrale nucleare Fessenheim

Ad ottobre Greepeace denunciò una anomalia nel reattore della centrale nucleare di Fessenheim, la più vecchia della Francia e già protagonista di diversi incidenti, nascota dal gestore dell'impianto. La Procura di Parigi apre quindi una inchiesta penale per capire se la centrale nucleare di Fessenheim sta mettendo in pericolo la vita delle persone.

A metà ottobre 2016 Greenpeace insieme ad altre associazioni antinucleariste francesi ha presentato un esposto contro Areva (multinazionale francese che opera nel campo dell'energia) ed Edf (Électricité de France) dopo aver rilevato una anomalia nel reattore della centrale atomica a Fessenheim, che si trova nel dipartimento Haut-Rhin in Alsazia, Francia orientale, vicino al confine tedesco e a quello svizzero.

Fessenheim ospita due reattori da 920 megawatt ed è attivo dal 1978, il che la rende la più vecchia centrale nucleare in funzione in Francia. Oltre a questo, a destare preoccupazione anche il fatto che l'impianto di Fessenheim è situato sopra una faglia sismica, il che rende la centrale più vulnerabile a terremoti e inondazioni (sorge presso una centrale idroelettrica fluviale).

Greenpeace denunciò che Edf e Areva erano a conoscenza della grave irregolarità al reattore 2 di Fessenheim. In particolare, gli ambientalisti avevano riscontrato difetti nel generatore di vapore, un componente essenziale dei reattori nucleari. Inoltre, veniva segnalato, che anche il reattore 1 della centrale nucleare è dotato di un generatore che potrebbe includere la stessa anomalia.

Edf avrebbe però nascosto il difetto alla Asn (Autorità per la sicurezza nucleare francese) per un mese tra maggio e giugno 2016 mentre il costruttore Areva avrebbe scientemente falsificato dei documenti per ottenere dall'Asn il certificato di conformità della centrale nucleare.

Nella denuncia viene quindi lamentato come Edf, in qualità di operatore, ha pertanto deciso "di dare la priorità ai propri interessi economici piuttosto che proteggere le persone e l'ambiente". Con tali difetti al reattore, infatti, i rischi di un possibile incidente nucleare si vanno a moltiplicare.

Greenpeace e le altre associazioni, nell'invitare le autorità a spegnere i due reattori di Fessenheim in maniera permanente, chiedevano quindi al procuratore di Parigi di aprire una inchiesta. E l'appello sembra essere stato accolto.

Nella giornata di ieri infatti la Procura di Parigi ha annuncia di aver aperto una indagine per capire se davvero la centrale nucleare sta mettendo in pericolo la vita delle persone e se dispone di attrezzature che non soddisfano le esigenze di sicurezza.

Quello di Fessenheim però non è un caso isolato: più di 31 reattori in Francia avrebbero delle anomalie. Nel mese di aprile, il presidente Francois Hollande ha promesso di avviare formalmente la chiusura, entro il 2017, dei vecchi reattori nucleari della Francia per motivi di preoccupazione ambientale e di sicurezza.

Ad ottobre la Francia ha dovuto inoltre fermare - in parte per normale manutenzione e in parte per controlli straordinari - oltre un terzo del suo parco nucleare: 21 reattori su 58. Cinque stop sono dipesi dalla scoperta, nella nuova centrale Epr in costruzione a Flamanville, di un eccesso di carbonio nella composizione dell'acciaio del guscio del reattore, che potrebbe quindi essere più fragile di quanto previsto dagli standard di sicurezza francesi.

Il governo tedesco ha più volte invitato la Francia a chiudere definitivamente l'impianto di Fessenheim dopo un incidente avvenuto nel 2014, quando uno dei reattori è stato spento a seguito di una fuoriuscita di acqua radioattiva. Ancora prima, nel 2011, fu registrato un incidente a Fessenheim che scatenò diverse proteste, poiché ci fu l'arresto automatico di un reattore della centrale nucleare. Nel 2012 ci fu ancora "un piccolo problema" nell'impianto, come fu allora descritto l'incidente, che fece scattare però l'allarme antincendio e causò 2 feriti, rimasti "ustionati alle mani a causa del rilascio del vapore di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) durante la manutenzione".

© riproduzione riservata | online: | update: 06/12/2016
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Francia: Procura apre indagine su anomalia in centrale nucleare Fessenheim
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI