le notizie che fanno testo, dal 2010

Petizione dimissioni Valeria Fedeli: obiettivo raggiunto

In poche ore la petizione online per chiedere le dimissioni di Valeria Fedeli da ministro dell'Istruzione ha raggiunto il suo obiettivo. La petizione è rivolta al neo premier Paolo Gentiloni, affinché faccia dimeettere Valeria Fedeli dal MIUR per aver mentito sulla laurea e perché le sue convinzioni sulla teoria del gender "inasprisce lo scontro tra le famiglie".

In poche ore la petizione online per chiedere le dimissioni di Valeria Fedeli da ministro dell'Istruzione ha raggiunto il suo obiettivo. Pubblicata nella giornata di ieri, all'ora di pranzo di oggi la petizione era stata sottoscritta da quasi 19mila persone sulle 20mila richieste. La petizione è rivolta al neo premier Paolo Gentiloni al quale viene chiesto "di premere affinché la senatrice Valeria Fedeli si dimetta immediatamente dal ruolo appena assunto di Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca".

Due i motivi principali. In primis, Valeria Fedeli "ha mentito su più siti di informazione web circa la reale entità del suo titolo di studio, inventandosi un titolo di laurea mai conseguito. Non a caso, dopo lo scoppio delle polemiche su tutti i mezzi di informazione, la citazione della fantomatica 'laurea' è stata eliminata da tutti questi siti da parte dello staff del neo-ministro".

In secondo luogo, viene ricordato che Valeria Fedeli "è la più accanita sostenitrice dell'introduzione nelle scuole di ogni ordine e grado di corsi e progetti fondati sulle teorie di genere, che negli ultimi mesi hanno portato centinaia di migliaia di famiglie a mobilitarsi nelle piazze e soprattutto nelle scuole dei loro figli, per evitare che sui temi delicatissimi della sessualità e dell'affettività fossero indottrinati secondo teorie ascientifiche e ideologiche". I firmatari della petizione chiariscono quindi che la sua nomina al MIUR, quindi, "inasprisce lo scontro tra le famiglie e il mondo scolastico e non porta quel clima di serenità e nuovo spirito collaborativo di cui invece abbiamo oggi un bisogno essenziale".

Per queste ragioni, si fa presente a Paolo Gentiloni che quella di Valeria Fedeli "non è una scelta adeguata e non risponde a nessuna delle numerose esigenze richieste oggi dal miglioramento dell'istruzione pubblica di cui l'Italia ha assolutamente bisogno".

© riproduzione riservata | online: | update: 15/12/2016
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Petizione dimissioni Valeria Fedeli: obiettivo raggiunto
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI