le notizie che fanno testo, dal 2010

Mattarella: ultima chance, poi non sfiducia a Cottarelli

Sergio Mattarella dà un'ultima possibilità a Di Maio e Salvini per formare un governo. Paolo Savona confermato ma non al Tesoro.

A tre mesi dalle elezioni, perdura l'incertezza politica. Carlo Cottarelli non scioglie infatti ancora la riserva. Il Quirinale lascia intendere che è intenzionato a dare un'ultima possibilità a Luigi Di Maio e Lega per formare un governo. Il MoVimento 5 Stelle nel rinunciare all'impeachment chiede difatti la riapertura di con canale di dialogo con il Colle. Sergio Mattarella concede quindi l'ultima chance a Lega e M5S dopodiché Cottarelli si insedierà.

Come compromesso, Di Maio annuncia di voler spostare Paolo Savona. Il professore antieuropeista che spaventerebbe i mercati rimarrebbe ministro, ma non dell'Economia. Mattarella attende quindi la proposta definitiva. Ma l'ultima parola stavolta toccherà a Matteo Salvini. Il leader della Lega infatti sembra intenzionato ad andare ad elezioni, forte dei sondaggi. Salvini comunque non chiude definitivamente la porta, anche se lancia un ultimatum.

Prima di sciogliere la riserva, il segretario del Carroccio annuncia che parlerà con Savona. "Non è che se qualcuno a Berlino o a Parigi la mattina si alza male salta un ministro del governo italiano" dichiara. "Per me Savona - aggiunge - è il ministro migliore per l'Economia. Ma se Di Maio ha cambiato idea, ne parlerò con lui". Salvini comunque aggiunge: "La mia pazienza è quasi finita".

Il caso il governo pentastellato non decollasse neanche stavolta, allora Sergio Mattarella pretenderebbe per Carlo Cottarelli una non sfiducia. "Dovremo studiare un percorso ordinato verso elezioni il prima possibile" ammette anche Giancarlo Giorgetti, numero due della Lega. Cottarelli infatti dovrebbe traghettare il paese alle elezioni, da fare però non prima di ottobre. In questa maniera, si riuscirebbe a votare senza fibrillazioni la manovra, rassicurando i mercati.

Rimane estremamente critico il PD. Il segretario reggente Maurizio Martina infatti dichiara: "Sembra di stare a scherzi a parte". "Lega e M5S giocano ancora a risiko sulla pelle dell'Italia. - aggiunge - Siamo ancora allo scontro tra i loro interessi di partito alla faccia dei bisogni degli italiani".

© riproduzione riservata | online: | update: 31/05/2018
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Mattarella: ultima chance, poi non sfiducia a Cottarelli
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI