le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma, occupazione cinema Palazzo: il mondo della cultura contro il processo

Il 24 gennaio inizia il processo contro Sabina Guzzanti e altre 11 persone accusate di aver occupato l'ex cinema Palazzo a Roma destinato ad essere strasformato in una sala bingo. Il mondo della cultura organizza evento di protesta il 17 dicembre.

Protestano contro il processo nei confronti di 12 persone, tra cui la comica Sabina Guzzanti, diversi esponenti del mondo intellettuale, tra cui il vignettista Vauro e lo scrittore Erri De Luca ma anche l'attore Moni Ovadia, il fumettista Zerocalcare e Ilaria Cucchi. L'appuntamento è per domenica 17 dicembre nella Città dell'Altra Economia a Testaccio (ore 11:00).
Il 24 gennaio 2018, infatti, inizia il processo contro 12 persone accusate di aver "occupato" l'ex cinema Palazzo. "Ci processano per aver contribuito a impedire una cosa illegale: trasformare un cinema dei primi del '900 in una sala giochi di 1000 mq nel quartiere universitario di Roma!" sottolinea su Facebook Sabina Guzzanti, che ringrazia i colleghi per la solidarietà.

"All'epoca qualcuno se lo ricorderà, parteciparono centinaia di artisti da Mario Martone a Alessandro Mannarino, da Franca Valeri al gruppo di romanzo criminale compreso De Cataldo che è un magistrato oltre che uno scrittore. La lista delle celebrità che si sono schierate è lunghissima. - ricorda - I ristoranti hanno offerto da mangiare, i ferramenta, i pizzaioli, i baristi, i circoli sportivi, le associazioni hanno tutte dato un contributo. Perfino polizia e carabinieri guardavano alla cosa con simpatia tant'è che nessuno ha mai provato a impedire lo svolgersi delle attività culturali. Non ci sono mai stati tentativi di sgombro, non c'è mai stata resistenza".

"E' stata un'iniziativa spontanea e partecipatissima. Soprattutto sacrosanta perché ha evitato di trasformare la piazza in un luogo di criminalità e disperazione. - ribadisce Sabina Guzzanti - Personalmente non ho nemmeno partecipato all'accupazione, ho dato una mano a cose fatte e ne sono fiera. Però oggi fra le centinaia e centinaia di persone che hanno partecipato, 12 di noi dovranno subire un processo penale".
"Io ho fiducia nella giustizia, - assicura infine la comica - ma penso pure che la giustizia funziona meglio se il senso di giustizia è ben presente nell'opinione pubblica. Vi invito quindi a partecipare e diffondere con la stessa passione che ci hanno messo tante persone per difendere i diritti di tutti".

© riproduzione riservata | online: | update: 13/12/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Roma, occupazione cinema Palazzo: il mondo della cultura contro il processo
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI