le notizie che fanno testo, dal 2010

Gerusalemme capitale di Israele: contro anche il Catholicos armeno Aram I

La Fides riporta le reazioni del mondo cristiano alla decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele.

"La scelta dell'Amministrazione USA di trasferire a Gerusalemme l'ambasciata statunitense in Israele ha 'ripercussioni negative' su tutto il già instabile scenario mediorientale, e rischia di mettere a repentaglio l'intero processo di pace" dichiara Aram I, Catholicos armeno della Grande Casa di Cilicia, nel corso dell'Assemblea generale del Catholicosato, svoltasi nei giorni scorsi ad Antelias, in Libano."

Come riporta l'agenzia di stampa cattolica Fides in tale occasione "il Catholicos Aram I ha anche sottolineato la necessità di rispettare i diritti legittimi dei palestinesi, e di tutelare le prerogative che ebraismo, cristianesimo e islam esercitano nella Città Santa". "La decisione dell'Amministrazione Trump di trasferire la propria ambasciata in Israele a Gerusalemme ha provocato reazioni negative da parte di molti Patriarchi e capi di Chiese e comunità cristiane radicate in Medio Oriente e nei Paesi arabi" viene quindi sottolineato.

Il Patriarcato di Babilonia dei Caldei, in un messaggio firmato dal Patriarca Louis Raphael Sako, ha ricordato che infatti che "il dovere degli Stati Uniti d'America, come superpotenza, è quello di favorire la pace, la giustizia e la prosperità in tutto il mondo, e non quello di suscitare controversie e conflitti" riferisce sempre la Fides mentre il Patriarca greco-melkita, il siriano Youssef Absi, in una conversazione con l'ambasciatore di Palestina a Beirut ha voluto confermare "il sostegno suo e della Chiesa melkita ai diritti del popolo palestinese e il netto rifiuto della decisione statunitense di trasferire nella Città Santa la propria ambasciata in Israele".

"Mentre il Patriarca copto ortodosso Tawadros II, Primate della più consistente Chiesa radicata nel mondo arabo musulmano, ha fatto sapere che anche lui - come lo Sheikh Ahmed al Tayyeb, Grande Imam di al Azhar - non ha più intenzione di incontrare il Vice Presidente USA Mike Pence, in occasione della prossima visita che il vice di Trump realizzerà in Egitto e in Israele" viene spiegato in conclusione.

© riproduzione riservata | online: | update: 12/12/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Gerusalemme capitale di Israele: contro anche il Catholicos armeno Aram I
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI