le notizie che fanno testo, dal 2010

Accordo nucleare Iran: da Trump stessa strategia usata con Kim Jong-un?

Donald Trump annuncia che gli Stati Uniti si ritirano dall'accordo sul programma nucleare irianiano. Il Presidente USA sembra che stia tentando la stessa strategia adottata con la Corea del Nord ma il risultato potrebbe essere molto diverso.

Dopo 9 anni di colloqui, l'accordo sul programma nucleare iraniano è stato di fatto cancellato con un colpo di spugna (o meglio di pennarello) da Donald Trump. A 3 anni dalla firma, gli Stati Uniti annunciano infatti ieri sera che si ritirano dal Joint Comprehensive Plan of Action.
Trump annuncia quindi nuove sanzioni nei confronti dell'Iran e per tutti quei Paesi che faranno affari con "un regime che sostiene il terrorismo in tutto il Medio Oriente", quindi probabilmente anche contro Regno Unito, Francia, Cina, Russia e Germania (e Unione europea) che annunciano invece di non volersi ritirare dall'accordo con l'Iran.

Alla base della decisione di Trump il fatto che Teheran potrebbe "arrivare alla bomba nucleare". Il Presidente USA ha infatti sposato la tesi di Benjamin Netanyahu, che pochi giorni fa in un discorso televisivo aveva denunciato il fatto che l'Iran stava continuando a sviluppare armi atomiche, violando così il JCPOA.
"Negli anni ha sostenuto terroristi come Hezbollah, Hamas, i Talebani e Al Qaeda, ha rapito, torturato, ucciso prigionieri americani. Ma nessuna operazione intrapresa dal regime iraniano è stata più pericolosa del tentativo di ottenere le armi nucleari" ha affermato difatti Trump nel suo discorso televisivo alla Nazione.

Non è mancato un attacco all'amministrazione Obama, accusata di aver "restituito" con il JCPOA "milioni di dollari a questo regime del terrore che ha usato quei fondi per costruire missili capaci di trasportare l'arma nucleare".
L'accordo è stato "negoziato così male che anche se l'Iran facesse tutto quello che gli viene chiesto, il regime rimarrebbe vicino al break-out nucleare. E' solo una questione di tempo", si dice convinto Trump.

Il Presidente americano sembra quindi voler adottare con Teheran la stessa strategia utilizzata con Pyongyang, che recentemente ha annunciato di voler abbandonare lo sviluppo dell'atomica e di firmare la pace con la Corea del Sud.
Sia l'Iran che la Corea del Nord, difatti, sono sull'orlo di una gigantesca crisi economica che le sanzioni americane non fanno altro che aggravare. Trump però potrebbe non riuscire ad avere lo stesso risultato ottenuto con Kim Jong-un che, dopo una vera e propria guerra social a colpi di minacce atomiche, è passato a più miti consigli.

Finora comunque la reazione di Hassan Rouhani è stata piuttosto diplomatica. Il presidente iraniano si è limitato a far sapere che "gli unici a non rispettare l'accordo sono sempre stati gli Stati Uniti", annunciando che "Teheran continuerà ad andare avanti sull'intesa con gli altri firmatari" se ci saranno le condizioni.

Più dura la risposta del Parlamento iraniano, dove è tornato a risuonare lo slogan "Morte all'America" (molto usato durante la rivoluzione islamica del 1979) e alcuni deputati hanno bruciato una bandiera USA (di carta).
Ali Khamenei, Guida Suprema dell'Iran, è stato se possibile ancora più diretto e, rivolgendosi direttamente a "Mr Trump" ha dichiarato: "Glielo dico da parte del popolo iraniano: ha fatto un errore".

L'unico ad aver "apprezzato molto la decisione del presidente Trump" è stato unicamente Netanyahu. Invece che portare maggior sicurezza, però, la scelta americana potrebbe destabilizzare ancora di più l'area medio orientale.
Israele infatti in queste ore ha richiamato un certo numero di riservisti e proclamato lo stato di massima allerta sulle alture del Golan, temendo che forze legate all'Iran lancino un attacco missilistico sulla zona.
Tanto per non alimentare la tensione, Israele martedì sera ha inoltre attaccato una base militare alla periferia sud di Damasco, in Siria, dove sarebbero stati stoccati missili iraniani che avrebbero potuto essere usati in un attacco imminente contro Tel Aviv. Un contrattacco iraniano rischierebbe quindi di accendere una guerra sul fronte settentrionale di Israele.

© riproduzione riservata | online: | update: 09/05/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Accordo nucleare Iran: da Trump stessa strategia usata con Kim Jong-un?
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI