le notizie che fanno testo, dal 2010

Def: al via gli indici di benessere per misurare impatto delle riforme

La Confcommercio riferisce che nel prossimo Def verrano introdotti i primi indicatori sul benessere dei cittadini.

"Non solo il PIL. Per la prima volta la programmazione economica per il prossimo triennio, che il governo presenterà con il Def, conterrà anche le indicazione sul benessere dei cittadini. - illustrano in una nota dalla Confcommercio - Per ora solo alcuni, dall'ambiente al lavoro alle disuguaglianze sociali, che comunque daranno un primo segnale concreto di come crescita e riforme debbano essere 'eque e inclusive', come ama ripetere il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan."

L'ente di categoria precisa: "Per il momento 'sarà introdotto un numero limitato di indicatori' del benessere sostenibile, ha annunciato il ministro, sottolineando che si tratta di un esercizio 'che cambia la prospettiva di politica economica'. Si tratterà, ha spiegato Enrico Giovannini, ex presidente dell'Istat ora membro del comitato ad hoc per gli indicatori Bes, 'di un primo set provvisorio' che sarà integrato entro la fine di aprile per arrivare a regime il prossimo anno. Intanto si è scelto di non perdere tempo, nonostante il lavoro del comitato per ridurre i 130 indicatori individuati dall'Istat non sia ancora terminato, 'per dare enfasi' all'innovazione che l'Italia ha introdotto 'prima tra i Paesi del G7'. Gli indicatori, una volta che il meccanismo sarà a regime, permetteranno di misurare l'impatto delle riforme e delle misure prese di anno in anno con la legge di Bilancio sul miglioramento del benessere dei cittadini. Il Def conterrà anche quella che lo stesso premier Paolo Gentiloni ha definito 'l'agenda del governo' per i prossimi mesi, dimostrando che il Paese non ha 'ammainato la bandiera delle riforme'. Niente rischi di immobilismo da fine legislatura, è il messaggio che si punta a mandare a Bruxelles."

"Ma la 'manovrina' da 3,4 miliardi non è l'unica prova che il governo ha davanti: 'le sfide dell'Italia - ha detto Dombrovskis - sono più ampie, c'è ancora alto debito pubblico e privato, bassa crescita e scarsa produttività' e per questo 'ci aspettiamo un ambizioso programma di riforme'" prosegue infine l'associazione delle imprese.

© riproduzione riservata | online: | update: 24/03/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Def: al via gli indici di benessere per misurare impatto delle riforme
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI