le notizie che fanno testo, dal 2010

Corea del Nord, Kim Jong-un: armi nucleari per non finire come Hussein e Gheddafi

Donald Trump avverte che "se la Cina non risolverà la questione della Corea del Nord lo faremo noi". Kim Jong-un, però, è un dittatore "disperato" che per mantenere il suo potere "non esiterebbe ad usare armi nucleari" perché non vuole fare la fine di Saddam Hussein e Mu'ammar Gheddafi.

In una intervista al Financial Times, Donald Trump ha invitato la Cina ad usare l'arma commerciale contro la Corea del Nord, che ha chiaramente specificato come l'obiettivo dei suoi test missilistici siano gli Stati Uniti, o perlomeno le basi militari americane nell'area.

Il segretario di Stato USA Rex Tillerson ha già annunciato che contro Pyongyang "tutte le opzioni sono sul tavolo", compresa quella di un attacco preventivo.

La Cina finora ha sempre condannato le pericolose provocazioni dell'alleata Corea del Nord, ma al contempo lascia intendere che sarebbe disposta a usare armi nucleari contro Seul se gli Stati Uniti perseguono a mantenere in Corea del Sud il sistema antimissile THAAD.

L'eventuale stretta commerciale di Pechino invocata da Trump, però, potrebbe essere persino controproducente. Kim Jong-un, infatti, già ora è un dittatore "disperato" che per mantenere il suo potere "non esiterebbe ad usare armi nucleari" per colpire gli Stati Uniti ed i suoi alleati, da lanciare con missili balistici intercontinentali.

A sostenerlo è Thae Yong-ho, ex diplomatico disertore della Corea del Nord il quale appare convinto del fatto che Pyongyang "abbia raggiunto un livello molto significativo di sviluppo nucleare", come rivela in una intervista alla CBS News.

Si stima che la Corea del Nord abbia sviluppato più di 8 armi nucleari, ma ad oggi (per fortuna) non ha ancora dimostrato la capacità di armarle sopra un missile intercontinentale, che può quindi raggiungere gli Stati Uniti. D'altro canto, ad inizio marzo la Corea del Nord è riuscita a far cadere nel mar del Giappone 3 dei 4 missili lanciati. Da qui la necessità, secondo la Corea del Sud, di installare il sistema di difesa THAAD in grado di neutralizzare eventuali razzi diretti contro gli obiettivi della penisola coreana.

Ecco quindi perché Donald Trump avverte: "Se la Cina non risolverà la questione della Corea del Nord lo faremo noi". Il problema è che già diversi analisti assicurano che una azione militare stelle e strisce contro Pyongyang potrebbe avere persino un effetto disastroso poiché Kim Jong-un, descritto come "un uomo che può fare qualsiasi cosa oltre la normale immaginazione" potrebbe scatenare un attacco di rappresaglia contro Giappone e Corea del Sud, Paesi alleati USA.

Thae Yong-ho infatti sottolinea: "Se Kim Jong-un ha armi nucleari e missili balistici intercontinentali, può fare qualsiasi cosa. Quindi, penso che il mondo dovrebbe essere pronto per affrontare questo tipo di persona". Secondo l'ex diplomatico nordcoreano, infatti, Kim Jong-un è ossessionato dallo sviluppare armi nucleari perché non vuole fare la fine di Saddam Hussein in Iraq e di Mu'ammar Gheddafi in Libia, convinto del fatto che chi abbandona questi programmi di distruzione di massa (speriamo presto con i trattati ONU in corso di discussione) è stato successivamente rovesciato da opposizioni sostenute dagli occidentali.

Non a caso, infatti, per Thae Yong-ho la soluzione ottimale sarebbe quella di "eliminare Kim Jong-un dalla carica". Come, è ancora tutto da chiarire.

© riproduzione riservata | online: | update: 04/04/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Corea del Nord, Kim Jong-un: armi nucleari per non finire come Hussein e Gheddafi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI