le notizie che fanno testo, dal 2010

Manovra: misure più stringenti sui pignoramenti, riflette Confcommercio

La Confcommercio riassume le anticipazioni sulla manovra da inserire nel Def.

"La 'manovrina' da 3,4 miliardi di euro chiesta da Bruxelles sarà fatta e vi metterà mano il Consiglio dei Ministri della prossima settimana. Stretto tra le istanze delle varie anime del Partito Democratico, il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan resiste sulla sua linea del rispetto degli impegni presi con la Commissione europea e, alla riunione con i deputati dem, ha spiegato che 'nella prima parte della prossima settimana, il governo si appresta a varare diverse misure da leggere insieme' e che confermeranno, sostanzialmente, 'la politica economica degli ultimi tre anni'" comunica la Confcommercio.

Dall'ente di categoria riassumono: "Per farlo si farà leva anche sulla rottamazione delle cartelle esattoriali. Non si tratterà, tuttavia, di una nuova procedura - spiegano fonti del Tesoro - ma di norme che incentivino l'adesione alla procedura già esistente, i cui termini non cambieranno. In particolare si parla di misure più stringenti sui pignoramenti. Attualmente la legge di bilancio e il collegato decreto fiscale, hanno previsto un incasso di 2,3 miliardi nel 2017 dalla rottamazione dei ruoli. Importo, questo, già 'prenotato' in manovra. Dunque, nessun aumento nella tassazione, come chiesto da Matteo Renzi, ex presidente del consiglio ed ex segretario PD in vantaggio al congresso del partito. Chi vuole aumentare le accise sulla benzina e intervenire sull'IVA è 'fuori strada', ha sottolineato Renzi: 'io penso che si possa continuare in questa direzione e Padoan ha detto esattamente che andremo in questa direzione', ha aggiunto. Parallelamente andrà avanti il lavoro sul Def da varare entro il 30 aprile: 'i numeri del Def', ha sottolineato Padoan, 'non sono ancora definitivi, ma terranno conto della necessità di arrivare a una diminuzione del debito'. Su tutto il lavoro del Ministero dell'Economia pesa il rischio di infrazione europea per deficit eccessivo che, Padoan ha di nuovo sottolineato di voler evitare senza rinunciare alla crescita."

"'Il costo del debito pubblico andrà ad aumentare per effetto dell'aumento dei tassi di interesse' previsto 'dopo la fine del quantitative easing da parte della Banca centrale europea', ha avvertito per poi confermare l'impegno nel Piano nazionale delle riforme: 'Conterrà quattro pilastri: concorrenza, giustizia civile, contrattazione decentrata per il lavoro e catasto'" diffonde in ultimo l'associazione delle imprese.

© riproduzione riservata | online: | update: 06/04/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Manovra: misure più stringenti sui pignoramenti, riflette Confcommercio
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI