le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma: dopo prime sentenze Comune annulli multe Via Portonaccio, dice Codacons

Il Codacons sulle multe "selvagge" a Roma in via di Portonaccio.

"Il Comune di Roma non ha altra scelta: deve annullare subito tutte le multe elevate sulla corsia preferenziale di Via di Portonaccio nel periodo in cui la segnaletica non era visibile agli automobilisti - rende noto il Codacons -, così da evitare un più elevato danno erariale alle casse del Campidoglio."

Questo a seguito delle "prime sentenze del Giudice di pace che hanno dato ragione agli automobilisti e l'indagine aperta dalla Corte dei Conti per l'evidente danno erariale che subirà la collettività a causa del comportamento dell'amministrazione capitolina sulla vicenda di Via di Portonaccio" prosegue l'associazione dei consumatori.

«Il Comune è con le spalle al muro - spiega il presidente Carlo Rienzi - O annullerà le sanzioni, o sarà certamente condannato per danno erariale, considerato che le spese legali a carico dell'amministrazione legate ai contenziosi avviati dai cittadini sono assai più elevate degli introiti assicurati dalle multe in via di Portonaccio. E se l'amministrazione non provvederà entro pochi giorni ad una sanatoria, il Codacons chiamerà il sindaco Raggi, gli assessori capitolini e i singoli funzionari interessati a rispondere con i loro beni personali dei danni erariali prodotti, trascinandoli in tribunale per evitare che sia la collettività a pagare le conseguenze degli errori dell'amministrazione comunale».

© riproduzione riservata | online: | update: 02/11/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Roma: dopo prime sentenze Comune annulli multe Via Portonaccio, dice Codacons
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI