le notizie che fanno testo, dal 2010

Rai: stop ad "appelli umanitari" in tv per la Gabanelli, dice Codacons

Il Codacons contro gli appelli in tv da parte di alcuni giornalisti a favore di Milena Gabanelli.

"Gira in questi giorni una incredibile catena che fa capo ad alcuni giornalisti del Fatto Quotidiano, ospiti fissi e noiosi di quasi tutte le trasmissioni Rai e La7, i quali tentano di trasformare la potenza di un mass media in forma di pressione sul servizio pubblico per far lavorare in Rai Milena Gabanelli. Come se chi è stato bravo e ben pagato per decenni avesse quasi diritto ad un vitalizio sotto qualsiasi forma, un metodo inaccettabile di utilizzo del ruolo dei giornalisti che dovrebbero fare il loro mestiere e non i sostenitori di assunzioni o incarichi retribuiti in favore di loro colleghi" denuncia in una nota l'Osservatorio sulla qualità dei programmi tv del Codacons.

"Noi telespettatori e consumatori, sempre ignorati dalla Gabanelli la quale, dopo un paio di occasioni in cui abbiamo osato criticarla, ha cancellato il Codacons dalla sua agenda - con la stessa arroganza di Bruno Vespa che, denunciato dall'associazione per aver fatto pubblicità al tabacco nel corso di Porta a Porta, giurò pubblicamente che mai avrebbe invitato il Codacons in trasmissione - non entriamo nel merito della bravura della giornalista e di Vespa (i cui ascolti bassissimi non impediscono che prosegua imperterrito, con il sostegno dei politici, a 'spillare' soldi alla Rai) ma riteniamo gravissimo e inammissibile che altri professionisti ben pagati facciano pressione sulla Rai per questo o per quello. - prosegue l'associazione dei consumatori - Dove erano Travaglio & C. quando la Rai cacciò Emanuela Falcetti (poi rientrata grazie ad una causa in tribunale) e cancellò una delle poche trasmissioni di servizio della rete?".

© riproduzione riservata | online: | update: 15/09/2017
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
Rai: stop ad "appelli umanitari" in tv per la Gabanelli, dice Codacons
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI