le notizie che fanno testo, dal 2010

IVASS e AGCM contro clausole vessatorie in polizze invalidità

L'Autorità garante della concorrenza e del mercato sulle polize assicurative.

"IVASS e AGCM hanno svolto un'azione coordinata in relazione a talune clausole presenti nelle polizze che coprono l'invalidità permanente derivante da infortuni o malattia. Si tratta di clausole che non consentono agli eredi dell'assicurato di subentrare nel diritto all'indennizzo qualora il loro congiunto muoia per causa diversa da quella che ha determinato l'invalidità e prima che la compagnia abbia effettuato i propri accertamenti medici sui postumi permanenti dell'invalidità" riferiscono in un comunicato dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato.

"Attraverso tali clausole, da un lato, la compagnia si autoassegna termini discrezionali, in genere molto lunghi (fino a 18 mesi), per svolgere gli accertamenti medici, e dall'altro, si prevede l'intrasmissibilità dell'indennizzo agli eredi se l'assicurato muore prima che la compagnia stessa abbia svolto tali accertamenti" prosegue l'Agcm.

Viene diffuso dunque: "Esse non consentono agli eredi neanche di dimostrare in altro modo che nel frattempo l'invalidità del loro congiunto si era consolidata, ad esempio attraverso certificati rilasciati dalle ASL o altre strutture. Come affermato dalla Corte di Cassazione, la clausola sulla intrasmissibilità agli eredi del diritto all'indennizzo 'altera il normale equilibrio contrattuale a vantaggio dell'assicuratore anche se visto nella sola convenienza di sottrarsi all'immediata esecuzione della prestazione in attesa fiduciosa del verificarsi dell'evento causativo dell'estinzione della sua obbligazione giuridica'."

" Agcm ha avviato nei confronti delle compagnie assicurative Generali Italia S.p.A., Zurich Insurance Company Ltd (Rappresentanza Generale per l'Italia) e Allianz S.p.A. procedimenti istruttori per accertare la vessatorietà di tali clausole. In contemporanea l'IVASS è intervenuto su tutte le imprese di assicurazione con una lettera al mercato richiamando la necessità di verificare se nelle polizze infortuni e malattia siano presenti clausole del tipo descritto e, nel caso, a modificarle entro 120 giorni. Per i contratti già' stipulati, le imprese dovranno adottare politiche di liquidazione che consentano agli eredi di non perdere il diritto all'indennizzo" si rende noto infine.

© riproduzione riservata | online: | update: 28/02/2018
• DALLA PRIMAPAGINA:
• POTREBBE INTERESSARTI:
• LE ALTRE NOTIZIE:
social foto
IVASS e AGCM contro clausole vessatorie in polizze invalidità
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI