le notizie che fanno testo, dal 2010

Giornata Mondiale Malaria: le zanzariere salvano la vita dei bambini

Ogni giorno la malaria, soprattutto in Africa, miete vittime soprattutto tra i nuovi nati. Fare qualcosa si può donando, al costo di pochi euro una zanzariera e favorendo la sostituzione farmacologica, secondo le nuove direttive dell'OMS, del chinino con l'artesunato.

Se le zanzare sono degli insetti fastidiosi per noi italiani, vittime sempre più delle "zanzare tigre" che incominciano, in alcuni casi, anche a portare malattie infettive come il virus chikungunya, per altre popolazioni le zanzare sono un pericolo mortale, soprattutto per i bambini. Il 25 aprile è stata la Giornata Mondiale della Malaria, una malattia che è ancora la terza causa al mondo di mortalità per i bambini. La malaria è una parassitosi provocata da un protozoo del genere Plasmodium che vede come "vettori" le zanzare del genere Anopheles. Da sempre la guerra tra uomini e zanzare è aperta e, come si può immaginare, anche a causa della distruzione dell'ambiente (e degli animali che tengono sotto controllo la popolazione della zanzare) vincono queste ultime. Si stima che la malaria ancora oggi faccia 800 mila morti ogni anno e che, come è immaginabile, la maggior parte dei morti siano africani (il 90% secondo le ultime stime). UNICEF rivela che addirittura la malaria in Africa provoca un sesto di tutte le morti infantili. Anthony Lake, Direttore dell'UNICEF ricorda: "Anche in questa Giornata Mondiale contro la malaria 2.000 bambini moriranno a causa della puntura di una zanzara infetta" ma sottolinea anche che "Abbiamo misure efficaci per combattere questa malattia mortale, e dobbiamo usarle per salvare vite umane". In effetti moltissimo si può fare per salvare i bambini africani ad esempio con la prevenzione che consiste innanzitutto con le installazioni della zanzariere e l'uso di medicinali "moderni". Scrive infatti l'UNICEF che "tra il 2004 e il 2010, più di 400 milioni di zanzariere sono state distribuite nei Paesi in cui la malaria è endemica, ben 290 milioni di zanzariere soltanto nel 2008. Questi sforzi hanno portato a un progresso importante nel numero globale di decessi dovuti a malaria, che è sceso del 20% tra il 2000 e il 2009". Per questo è possibile sul sito regaliperlavita.it "donare una zanzariera antimalaria. per un bambino e per la sua mamma" (http://is.gd/ZVwgwM). Un gesto importante che costa pochi euro ma che può salvare l'esistenza di un fratellino meno fortunato di noi. Per quanto riguarda i farmaci invece è Medici Senza Frontiere, con la campagna "Making The Switch" ad esortare i governi africani, l'OMS e i donatori a utilizzare il "nuovo" artesunato al posto del vecchio chinino che potrebbe salvare 200mila vite ogni anno. Veronique De Clerck, coordinatore medico di MSF in Uganda testimonia che "quando i bambini affetti da malaria complicata arrivano in clinica, spesso soffrono di convulsioni, vomitano e rischiano uno shock, perciò dobbiamo garantire loro un trattamento efficace e rapido" e specifica che "per decenni, nei casi di malaria grave è stato utilizzata la chinina, ma poiché può essere complessa da usare e perfino pericolosa, è arrivato il momento di metterla da parte. L'artesunato che abbiamo a disposizione ora è un farmaco in grado di salvare un maggior numero di vite ed è più semplice, sicuro ed efficace della chinina".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: