le notizie che fanno testo, dal 2010

Chikungunya: dopo Anzio 4 contagiati a Roma. Regione chiede disinfestazione

Dopo i 3 casi di chikungunya ad Anzio altre 4 persone sono state infettate, ma a Roma. La Regione chiede al Comune di effettuare la disinfestazione. A diffondere la malattia in particolare la zanzara tigre.

Dopo i 3 casi di Anzio altre 4 persone hanno contratto la chikungunya, questa volta però nella Capitale nel territorio della Asl Roma 2. La chikungunya è una malattia virale trasmessa da zanzare infette, di cui non esiste il vaccino. I sintomi della chikungunya sono simili a quelli di una forte influenza ma in più il paziente soffre di importanti artralgie (da cui deriva il nomeì dell'infezione che in lingua swahili significa "ciò che curva" o "contorce"), che limitano molto i movimenti. Anche se la malattia si risolve in pochi giorni, i dolori articolari possono invece persistere per mesi.
"Quando ci sono dei focolai abbastanza maturi come quello di Anzio è possibile che si siano diffusioni di altri focolai, una situazione quindi abbastanza prevista come quella che si verificò dieci anni fa in Romagna, con la segnalazione di alcuni casi a Bologna, alcuni a Ravenna e Rimini" sottolinea Gianni Rezza, direttore del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto superiore della Sanità, commentando i contagi di chikungunya a Roma.
Per il momento nella Capitale non è stata sospesa la donazione di sangue come successo ad Anzio, soprattutto perché si spera che il freddo uccida tutte le zanzare vettore della chikungunya. Intanto, la Regione Lazio ha convocato per oggi un tavolo con il Campidoglio per sollecitare la disinfestazione. A diffondere la malattia in particolare la zanzara tigre.

© riproduzione riservata | online: | update: 12/09/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Chikungunya: dopo Anzio 4 contagiati a Roma. Regione chiede disinfestazione
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI