le notizie che fanno testo, dal 2010

Whistleblowing è legge: tutelate le "soffiate" su reati nel posto di lavoro

Via libera definitivo alla Camera alla legge sul whistleblowing, che tutela il dipendente che segnala attività illecite nell'amministrazione pubblica o in aziende private.

Via libera definitivo alla Camera alla legge sul whistleblowing, che punta a tutelare il dipendente che segnala attività illecite nell'amministrazione pubblica o in aziende private. I voti a favore sono stati 357, 46 i contrari (Forza Italia e Di), 15 gli astenuti.
Con questo provvedimento il dipendente che farà la "soffiata" (da qui il nome della legge) su reati e irregolarità scoperti sul posto di lavoro all'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) o alle forze di polizia vedrà tutelata la propria identità. Inoltre, avrà la garanzia che di non essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa che potrebbe avere effetti negativi.

La legge sul whistleblowing è "una norma di civiltà", perché "chi segnala illeciti di cui è venuto a conoscenza sul luogo di lavoro non può essere lasciato solo", ha dichiarato il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone.

© riproduzione riservata | online: | update: 15/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Whistleblowing è legge: tutelate le "soffiate" su reati nel posto di lavoro
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI