le notizie che fanno testo, dal 2010

World Cup Volley, riscatto Italia. 3 a 0 a Egitto, ora tocca a Brasile

Prima vittoria degli azzurri nella Coppa del Mondo di volley che si sta giocando in Giappone. Gli uomini di Berruto si sono sbarazzati dell'Egitto con un secco 3 a 0 dominato da Alessandro Fei, "mattatore" del match, Lasko e il solito capitan Savani. Oggi gli azzurri dovranno vedersela con il Brasile.

L'Egitto non può certo essere considerata come una squadra materasso, ma la prova degli azzurri ha fatto sì che il secondo match della World Cup diventasse poco più di un allenamento. Contro i nordafricani, a Kagoshima, gli uomini di Mauro Berruto vincono con secco 3 a 0 (25-22, 25-15, 25-20) e riscattano la sconfitta all'esordio contro la Russia, rimettendosi in carreggiata per puntare alla coppa. La partita si è rivelata più facile del previsto, mostrando un Alessandro Fei (nuovamente schierato come centrale, come contro i russi) "mattatore" del match con 12 punti, figli di 6 attacchi, 4 muri e due ace. Le importanti assenze di Birarelli e Bari non hanno quindi pesato sull'economia del match, bensì hanno confermato un gruppo capace di intercambiarsi. Al posto del libero di Senigallia c'è infatti nuovamente Andrea Giovi, mentre la diagonale è formata da Dragan Travica e Michal Lasko con Ivan Zaytsev e Cristian Savani in banda. Come centrale, in coppia con Fei, viene preferito Simone Buti, che contro la Russia era entrato a partita in corso. Dall'altra parte il modesto Egitto schiera il regista Ahmed Abdalla, ex del campionato italiano, e il mancino Abdelhay che spingono la loro squadra al 9-12 del primo set, subito raggiunto da capitan Savani e compagni. L'avvio di gara sarà poi registrato come il momento migliore dei nordafricani, che cadono sotto i colpi di un'Italia attenta e concentrata. Fei e Lasko dominano il primo set così, visto l'andamento della gara, il ct Berruto decide di provare qualche cambio. Sul finale del secondo set c'è infatti spazio per Boninfante, Sabbi e Maruotti, mentre nel terzo parte titolare Parodi. Il primo successo azzurro maturato in poco meno di un'ora e un quarto lancia finalmente gli azzurri in World Cup in vista del prossimo match con il Brasile in programma oggi alle 7 (ora italiana). "La partita contro il Brasile è una di quelle che aspetto di giocare da diverso tempo - ha confessato il tecnico Berruto - Sono convinto che per la mia squadra sarà un passaggio importante. Per fare bene e creare grattacapi a loro dovremo continuare a servire come abbiamo fatto contro la Russia". La carica, come sempre, arriva anche da capitan Savani che vede la sfida con i brasiliani come "un match abbastanza difficile, ma siamo determinati a combattere contro una squadra che in classifica è più forte di noi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: