le notizie che fanno testo, dal 2010

Europei volley: Italia in finale contro Serbia. Polonia di Anastasi Ko

L'Italvolley arriva all'atto conclusivo della sua corsa verso la perfezione tanto voluta dal ct Berruto, battendo la Polonia dell'ex Anastasi per 3 set a zero. Questa sera per giocarsi la finale c'è la Serbia, contro la quale servirà ancora più determinazione e concentrazione.

A piccoli passi verso la perfezione. La finale conquistata dall'Italvolley a Vienna ha un sapore dolcissimo e regala agli azzurri per la nona volta nella sua storia la possibilità di giocarsi il titolo Europeo (6 vinte e 2 perse). Gli uomini di Berruto trionfano per 3 a 0 in semifinale contro i polacchi dell'ex ct azzurro Anastasi (25-22 25-21 25-20), dimostrando di aver fatto passi da gigante per arrivare a quella perfezione tanto voluta dal tecnico piemontese. Tra Polonia e Italia questa era la terza sfida stagionale, dopo le prime due gare in World League e al Memorial Wagner, entrambe vinte dagli azzurri. E proprio questo fatto un po' scaramantico poteva portare la paura di un avversario comunque molto ostico, visto soprattutto che si parla dei campioni in carica. E invece l'Italia ha vinto, ma soprattutto convinto, non lasciando spazio agli errori di deconcentrazione che hanno caratterizzato le prime partite del torneo. Inoltre Mastrangelo e compagni hanno saputo dimostrare la capacità di aggiungere tasselli importanti al proprio gioco, come per esempio la battuta che, fino a questo punto dell'Europeo, non aveva brillato come ci si attendeva. Oltre alla battutta sono funzionate ricezione e attacco, gestite sempre con lucidità. Il migliore in campo è stato indubbiamente Michal Lasko che eccelle nel primo set e straripa nel secondo, fino ad avere un piccolo appannamento nel terzo. Alla fine però è lui a mettere a terra il match ball che fa esultare l'Italia e i suoi tifosi. Grazie alla finale in programma domani alle 18.00 contro la Serbia, oltre a mettere al collo una medaglia, gli uomini di Berruto strappano il biglietto per la World Cup. Ora però la concentrazione è solo per la finale. Dove servirà la perfezione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: