le notizie che fanno testo, dal 2010

Lente a contatto bionica: il futuro dei non vedenti in un microchip

Sembra fantascienza e invece è quasi realtà. Al 90esimo Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana viene infatti presentata la "lente a contatto bionica". Il sogno è poter ridare la vista ai non vedenti.

Sembra fantascienza e invece è quasi realtà. Al 90esimo Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana, che si è aperta mercoledì 18 maggio a Roma, viene infatti presentata la "lente a contatto bionica", come la definisce lo stesso presidente dell'Accademia Italiana Oftalmologia Legale, Duilio Siravo. E' il professore a spiegare che questa "lente a contatto bionica, sulla quale è applicato un microchip che funziona come una telecamera, trasmetterà il segnale ad un sistema wireless applicato nelle vie retrocorticali". Il sogno è quello di riuscire a ridare la vista ai non vedenti. "Inserita in un occhio solo - spiega sempre Siravo - bypassa il bulbo oculare, mandando i segnali direttamente sul nervo ottico o nelle aree cerebrali deputate all'elaborazione". Una volta terminati i test, si potrebbe sperimentare quindi la "lente a contatto bionica" su pazienti che presentano alterazioni retiniche o traumatiche, conclude il professore, spiegando che la via è ancora lunga ma che è già in preparazione una proposta, da sottoporre al Ministero della Salute, per avviare la sperimentazione umana in Italia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Italia# Ministero della Salute# Roma# vista# wireless