le notizie che fanno testo, dal 2010

Giornata Mondiale della Vista: check-up oculistici gratuiti in piazza

In Italia ci sono 12 milioni di persone miopi, 5 milioni di ipermetropi e 3 milioni di astigmatici. Ma soprattutto ci sono poche visite e pochi controlli soprattutto per una disinformazione dilagante. "La maggior parte delle persone non conosce la differenza tra ottico e medico oculista", afferma Matteo Piovella della Società Oftalmologica Italiana (SOI)

Per Aristotele è il senso che amiamo più di tutti e, anche per questo, il secondo giovedì del mese di ottobre (giovedì 11 ottobre, quest'anno) è celebrata la Giornata Mondiale della Vista . La Giornata Mondiale della Vista è promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ed è di grande importanza, sia per la sensibilizzazione sui temi della vista sia per le visite gratuite che si solito vengono offerte. Secondo le ultime stime dell'OMS nel mondo sono 39 milioni le persone cieche (di cui 1,4 milioni sono bambini), mentre le persone ipovedenti sono 246 milioni. Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italiana (SOI) riflette su quanta informazione ci sia ancora da fare: "Sembra una ovvietà, ma in realtà è dimostrato che in Italia esiste molta confusione sulla necessità di prevenzione e cura delle malattie degli occhi: la maggior parte delle persone non conosce la differenza tra ottico e medico oculista e pensa che aver effettuato il controllo della vista per il rilascio della patente di guida o essersi sottoposto alla cosiddetta misurazione della vista comporti aver effettuato una visita oculistica completa capace di assicurare il buon stato di salute dei nostri occhi". Il Presidente della SOI che rappresenta istituzionalmente i 7000 medici oculisti italiani, quindi raccomanda: "E' necessario effettuare una visita dal medico specialista oculista alla nascita, entro i tre anni, durante i primi anni di scuola ed al manifestarsi della pubertà. Critici sono poi i 40 anni e naturalmente dopo i 55 anni è raccomandata una visita mediamente ogni anno. La visita oculistica è deputata ad evidenziare non solo eventuali difetti visivi, ma soprattutto è in grado di diagnosticare ogni tipo di malattia degli occhi, anche quelle che non presentano disturbi per molti anni. La medicina è sempre più prevenzione e i nostri occhi possono avvantaggiarsi enormemente da regolari controlli medici. Glaucoma, maculopatia, cataratta, retinopatia diabetica sono parole strane ed impegnative in grado di penalizzare la nostra vista fino alla condizione di ipovedente o non vedente. I nostri occhi invecchiano a 40 anni (dobbiamo mettere per questo gli occhiali per leggere) e devono durare ancora il doppio del tempo". Tanto per farsi un'idea statistica, come ricorda Vittorio Tabacchi, Presidente Commissione Difesa Vista "nel nostro Paese circa 12 milioni di persone sono miopi, 5 milioni sono ipermetropi e 3 milioni sono astigmatici". In occasione della Giornata Mondiale della Vista la IAPB Italia Onlus (Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità) organizza check-up oculistici gratuiti in piazza "per crescere assieme nella prevenzione". Come si legge in una nota dell'Associazione "all'iniziativa hanno aderito circa settanta città, dove verrà distribuito del materiale informativo gratuito. In una ventina di esse si svolgeranno controlli della vista a bordo di speciali Unità mobili oftalmiche e in ambulatori attrezzati".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: