le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma, Torpignattara: magrebino violenta donna sotto archi Acquedotto

Un giovane magrebino di 24 anni avrebbe violentato una donna nel parco di Torpignattara, sotto gli archi dell'Acquedotto alessandrino. Alemanno: "Siano applicate delle pene esemplari". PD: "Roma è diventata la capitale degli stupri".

Ancora una violenza, a Roma. Questa volta il presunto stupro è avvenuto nel parco di Torpignattara, sotto gli archi dell'Acquedotto alessandrino. La vittima è una donna romana di 40 anni, sposata e madre di tre figli ma pare con problemi personali, tanto che al momento dell'aggressione si era fermata su una panchina del parco di Torpignattara per riposarsi e prendere un po' di fresco. Stando alle prime ricostruzioni, un giovane di 24 anni proveniente dalla zona del Maghreb (Nord Africa) si sarebbe avvicinato alla donna facendole prma delle avances e poi offrendole dei soldi in cambio di una prestazione sessuale. Al rifiuto della donna, l'uomo l'avrebbe presa per un braccio e trascinata sotto gli Archi dell'Acquedotto alessandrino, perpetrando la violenza. Dopo il presunto stupro, il 24enne ha sottratto alla donna anche lo zainetto, mentre la vittima è riuscita ad arrivare fino in strada dove ha chiamato il 113. L'arrivo immediato di una pattuglia ha permesso l'arresto del giovane magrebino mentre ancora rovistava nella borsa della donna, in forte stato di agitazione. L'uomo è accusato di violenza sessuale e rapina ed è stato portato negli uffici del Commissariato Prenestino. La Procura di Roma ha chiesto la gip la convalida dell'arresto, dopo la quale il giudice per le indagini preliminari potrà ascoltare la versione del magrebino. Gli inquirenti, però, tendono a giudicare credibile il racconto della donna. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, appena appresa la notizia sottolinea che "l'aggressione sessuale perpetrata ieri nel parco di Torpignattara è una violenza particolarmente odiosa, perché è stata condotta a danno di una donna, madre di tre figli, in forte stato di disagio". Alemanno quindi si augura "che nei confronti dell'emigrato magrebino, che prima ha tentato di circuire la donna e poi l'ha violentata, siano applicate delle pene esemplari. Siamo di fronte ad un delinquente che, non solo tradisce l'accoglienza che gli offre il nostro Paese, ma che abusa di una persona totalmente indifesa". Non mancano gli attacchi da parte delle opposizioni, con il segretario romano del PD, Marco Miccoli, che afferma come "da qualche tempo ormai Roma è diventata la capitale degli stupri - aggiungendo - Violenze e abusi contro le donne si susseguono ad un ritmo quasi quotidiano, per ultimo il caso di una donna violentata nel parco di Torpignattara. Roma è sempre più pericolosa ed insicura sia in centro che in periferia. Occorre ora uno scatto culturale da parte di tutte le forze politiche ed istituzionali per cercare di debellare anche questa piaga che sta avvelenando la nostra città".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: