le notizie che fanno testo, dal 2010

Siria: 36 bambini morti dopo vaccino morbillo "avvelenato", forse con cianuro

In Siria decine di bambini anche di pochi mesi sono morti dopo che è stato loro iniettato un vaccino contro il morbillo "contaminato", somministrato nell'ambito di un programma sponsorizzato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), agenzia specializzata dell'ONU per la salute, ed affidato ai ribelli del nord della Siria. I bambini, dopo il vaccino, sono morti presentanto i sintomi tipici di un avvelenamento, forse da cianuro.

In Siria decine di bambini anche di pochi mesi sono morti dopo che è stato loro iniettato un vaccino contro il morbillo "contaminato". Stando alle prime informazioni, finora sarebbero stati segnalati almeno 36 casi di "morti strazianti", avvenute nelle città di Jirjanaz e di Maaret al-Nouman, nella provincia nord-orientale di Idlib. I decessi sono avvenuti la scorsa notte, dopo che ai bambini è stato somministrato un vaccino contro il morbillo nell'ambito di un programma sponsorizzato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), agenzia specializzata dell'ONU per la salute, ed affidato ai ribelli del nord della Siria. Dopo essere stati vaccinati, i bambini hanno avuto dei sintomi tipici dell'avvelenamento, diventando rapidamente cianotici e bradicardici. Oltre ai morti, ci sarebbero anche decine di altri bambini che si sono ammalati gravemente. Il Syrian Observatory for Human Rights (Osservatorio siriano per i diritti umani) denuncia: "Dopo la vaccinazione contro il morbillo a Jirjanaz, nella provincia di Idlib, almeno 5 bambini sono morti e altri 50 presentano sintomi tipici dell'avvelenamento oppure hanno gravi reazioni allergiche". Save the Children ha dichiarato di essere "sconvolta e profondamente rattristata" per la morte dei bambini a seguito della somministrazione dei vaccini, riferendo: "Le autorità locali hanno avviato un'indagine. E' chiaro che qualcosa è andato molto male, Save the Children aiuterà le autorità in ogni modo possibile per aiutare a scoprire cosa è successo". Immediato ovviamente il rimpallo sulle responsabilità, che ha portato alla morte cruenta di decine di piccole vite, bambini colpevoli solamente di essere nati in un territorio martoriato dalla guerra e obiettivo di conquiste anche internazionali. Gli attivisti anti Bashar al-Assad hanno infatti accusato il governo siriano di aver avvelenato i vaccini con il cianuro. Come riporta il Telegraph, però, questi stessi miliziani avevano in passato accusato il governo siriano di aver lanciato un attacco con armi chimiche a Ghouta, sobborgo di Damasco. Successivamente, però, è stato poi scoperto che erano stati gli stessi ribelli ad aver effettuato l'attacco chimico.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: