le notizie che fanno testo, dal 2010

Vaccini: "Lorenzin smentisca che allarmi sono diffusi da lobby del farmaco"

Federconsumatori chiede al Ministero della Salute di fugare i dubbi in merito al fatto che l'attuale situazione di allarme sulle vaccinazioni "venga enfatizzata ad hoc dagli interessi dell'industria farmaceutica".

"Federconsumatori chiede conto al Ministero della Salute di quanto sta avvenendo in queste ultime settimane. I cittadini sono bombardati da notizie che agli occhi dell'opinione pubblica appaiono a dir poco preoccupanti - diffondono in un comunicato dalla federazione dei consumatori -, in primis l'allarme meningite di cui tanto si parla sui media e le vaccinazioni obbligatorie su cui stanno discutendo le singole Regioni."

"A tutto questo si aggiungono la sentenza della Cassazione sul risarcimento dei danni da vaccino, - si sottolinea - il controllo dei Carabinieri negli uffici dell'Aifa e l'ingiustificata indisponibilità di alcuni farmaci, in primis quelli per curare l'epatite C, che spinge i pazienti a veri e propri viaggi della speranza in altri Paesi."

Si illustra infine: "L'attuale stato confusionale è ancora più inaccettabile a fronte del fatto che l'Italia dal settembre 2014 risulta essere il Paese capofila nel coordinare le politiche vaccinali a livello mondiale. Si potrebbe quasi sospettare che l'attuale situazione di allarme venga enfatizzata ad hoc dagli interessi dell'industria farmaceutica, per poi essere ridimensionata una volta 'esaurite' le scorte dei vaccini. Federconsumatori esorta dunque le autorità competenti a fugare i dubbi e a garantire i farmaci, anche quelli costosi, a tutti i cittadini."

© riproduzione riservata | online: | update: 08/02/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Vaccini: "Lorenzin smentisca che allarmi sono diffusi da lobby del farmaco"
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI