le notizie che fanno testo, dal 2010

Morbillo: 1000 casi da inizio 2017, ma 10% era vaccinato

Il Ministero della Salute pubblica la prima infografica sul morbillo, dove viene evidenziato che da gennaio 2017 sono stati segnalati 1.010 casi di infezione. Interessante però che di questi, ben il 10% si era vaccinato proprio contro il morbillo.

Il Ministero della Salute aggiorna i casi di morbillo in Italia, dopo aver diffuso pochi giorni fa il fatto che dall'inzio del 2017 gli ammalati erano cresciuti del 230% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

E così, il Ministero della Salute non esita a definire questo aumento dei casi di morbillo "epidemia", annunciando che fornirà ogni settimana una infografica per avere una panoramica sulla distribuzione dei casi segnalati al Sistema di Sorveglianza Integrata Morbillo e Rosolia, per Regione, per fascia di età e stato vaccinale.

Nella prima infografica sul morbillo viene immediatamente evidenziato che da gennaio 2017 sono stati segnalati 1.010 casi di infezione, di cui il 57% nella fascia di età tra i 15 ed i 39 anni. Il Ministero della Salute sottolinea inoltre che di queste persone che hanno contratto il morbillo dall'inizio del 2017 il "90% non erano vaccinati".

A questo punto, però, la vera notizia sembra essere un'altra. Stando ai dati del dicastero, infatti, ben il 10% delle persone che si sono sottoposte al vaccino hanno comunque contratto la malattia, pari a 101 da inizio anno. Una buona percentuale, se si considera il fatto che gli esperti assicurano che solo le vaccinazioni sono in grado di debellare la malattia.

© riproduzione riservata | online: | update: 29/03/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Morbillo: 1000 casi da inizio 2017, ma 10% era vaccinato
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI