le notizie che fanno testo, dal 2010

Tumore cervello "open data": Salvatore Iaconesi chiede cura in rete

Salvatore Iaconesi, net-artist, parla chiaro: "Ho un tumore al cervello". Così presa la cartella clinica l'ha "craccata" e trasformata in formato "aperto" open data perché fosse disponibile su un sito per tutti i dottori e per l'intera rete. Che ora potrebbe fornirgli la CURA.

Un altra persona avrebbe reagito in chissà quale altro modo nello scoprire di avere un tumore al cervello. Salvatore Iaconesi, net-artist ha scelto invece di attaccare il tumore con l'"arte", mettendo in rete la sua cartella clinica, con le risonanze magnetiche e le TAC in "formato aperto", perché tutti possano vederle sui computer ed eventualmete fornirgli una cura. Salvatore Iaconesi ha aperto un sito che si chiama appunto "la cura - the cure" dove si legge laconicamente il problema come se fosse un "trailer": "Un tumore al cervello. Degli Open Data molto personali. Una opportunità". Il tutto scritto anche in inglese, ovviamente, perché la cura può arrivare da ogni parte del mondo. Segue un video di spiegazione dello stesso Iaconesi con a fianco i dati che si possono scaricare liberamente. Spiega il net artist sul sito: "Ho un tumore al cervello.Ieri sono andato a ritirare la mia cartella clinica digitale: devo farla vedere a molti dottori. Purtroppo era in formato chiuso e proprietario e, quindi, non potevo aprirla né con il mio computer, né potevo mandarla in quel formato a tutti coloro che avrebbero potuto salvarmi la vita. L'ho craccata. L'ho aperta e ho trasformato i suoi contenuti in formati aperti, in modo da poterli condividere con tutti. Solo oggi sono già riuscito a condividere i dati sul mio stato di salute (sul mio tumore al cervello) con 3 dottori. 2 mi hanno già risposto. Sono riuscito a farlo solo perchè i dati erano in formato aperto e accessibile: loro hanno potuto aprire i file dal loro computer, dal loro tablet. Mi hanno potuto rispondere anche da casa. Progressivamente, renderò disponibili tutte le risposte che riceverò, sempre in formati aperti, così che chiunque abbia il mio stesso male possa beneficiare delle soluzioni che ho trovato. Questa è una CURA. E' la mia CURA OPEN SOURCE. Questo è un invito a prendere parte alla CURA. CURA, in diverse culture, vuol dire diverse cose. Ci sono cure per il corpo, per lo spirito, per la comunicazione. Prendete le informazioni sul mio male, se ne avete voglia, e datemi una CURA: fateci un video, un'opera d'arte, una mappa, un testo, una poesia, un gioco, oppure provate a capire come risolvere il mio problema di salute. Artisti, designer, hacker, scienziati, dottori, fotografi, videomaker, musicisti, scrittori. Tutti possono darmi una CURA". Tutte le cure saranno pubblicate sul sito e sempre in open data.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: