le notizie che fanno testo, dal 2010

Tumore alla tiroide: un robot lo toglie dall'ascella

E' stato eseguito, da medici solamente italiani, il primo intervento di asportazione di tumore alla tiroide con una tecnica robotica. L'operazione è doppiamente innovativa poiché l'intervento non causa cicatrici nel collo, visto che l'incisione viene fatta nell'ascella.

Ieri è stato eseguito, da medici solamente italiani, il primo intervento di asportazione di tumore alla tiroide con una tecnica robotica. L'operazione è doppiamente innovativa poiché l'intervento non causa cicatrici nel collo, visto che l'incisione viene fatta sul bordo anteriore dell'ascella.
Sono stati i chirurghi italiani dell'Unità Operativa di Chirurgia Generale del Nuovo Ospedale S.Agostino-Estense di Modena ad operare la paziente che si è sottoposta a tale nuova tecnica, e che a breve sarà dimessa.
L'equipe è diretta da Gianluigi Melotti mentre il robot si chiama "Da Vinci". I vantaggi di tale tecnica, oltre a quella di non creare cicatrici sul collo, è quella di avere una "visione tridimensionale" e una maggiore "mobilità degli strumenti", come spiegano dall'ospedale di Modena, garantendo quindi una "maggiore garanzia di integrità sui nervi laringei e sulle paratiroidi" e "minori rischi di lesioni".
Tale tecnica è stata messa a punto in Corea dal prof. Woong Youn Chung della Yonsei University di Seul.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# medici# minori# mobilità# Modena# robot# Seul# tiroide# tumore