le notizie che fanno testo, dal 2010

Tumore al seno: parabeni in 99 per cento dei casi. Ma no causa-effetto

Nei tessuti prelevati dalle mastectomie di 40 donne una ricerca inglese ha trovato nel 99% dei campioni "uno o più esteri dei parabeni". Il fatto interessante è che anche chi non utilizzava alcun deodorante-traspirante, presentava la concentrazione della sostanza nei tessuti.

Dall'Inghilterra arriva una nuova interessante osservazione da una ricerca scientifica, pubblicata a gennaio sul Journal of Applied Toxicology (qui l'abstract (http://is.gd/jjqM3q), sulla possibile relazione tra tumore al seno e la presenza, nei tessuti cancerosi, di sostanze chiamate "parabeni". L'Università di Reading in Inghilterra ha infatti esaminato campioni di tessuto del seno di 40 donne che hanno subito una mastectomia tra il 2005 e il 2008 per aver sofferto di differenti tipi di tumore primario alla mammella. Nei campioni di tessuto i ricercatori inglesi, tra i quali c'è la dottoressa Philippa Darbre hanno scoperto tracce di parabeni diffuse nei tessuti. Philippa Darbre è una "veterana" del campo, dato che la sua ricerca del 2004 ha contribuito non poco ad "allertare" i consumatori e spingere di conseguenza molti produttori a sostituire, ove possibile, i parabeni nei deodoranti/antitraspiranti, come si legge anche sul Daily Mail (http://is.gd/M28dGX). Come riporta il giornale inglese la Darbre afferma: "Dal 2004 molti produttori (anche se non tutti) hanno tolto i parabeni dai deodoranti/antitraspiranti ascellari e quindi ero piuttosto sorpresa quando ho trovato questi livelli così alti di parabeni". I parabeni trovati nei tessuti cancerosi infatti sono più alti "di quattro volte" rispetto alla ricerca precedente (del 2004) e questo è un dato che "scagionerebbe" i "deodoranti" per le ascelle come "vettori" principali di "parabeni" in quelle delicate zone del corpo. Non a caso lo staff della dottoressa Philippa Darbre conferma che i parabeni sono stati trovati anche nelle sette donne "che non facevano uso di deodoranti ascellari". Ne consegue, come osserva un po' lapalissianamente, la dottoressa Darbre che "in questi sette non-utilizzatori, i parabeni misurati devono arrivare da un altro prodotto o prodotti". Il dato sconcertante della ricerca inglese è che comunque sui 160 campioni analizzati di tessuto delle 40 donne malate di tumore al seno, in ben 158 (cioè nel 99 per cento dei casi) sono stati trovati uno o più esteri dei parabeni e in 96 (cioè nel 60% dei casi) tutti e cinque gli esteri dei parabeni sono stati misurati. Ma prima che qualcuno giunga a conclusioni "affrettate" nel rapporto tra parabeni e cancro al seno, la stessa Philippa Darbre mette le mani avanti dato che, afferma, la presenza dei parabeni nei tessuti non implica "il rapporto di causa effetto". Come infatti si legge su una pagina dedicata della American Cancer Society ("Antiperspirants and Breast Cancer Risk" http://is.gd/DhFQw8) "nel 2004, un piccolo studio ha trovato tracce di parabeni in alcuni campioni di tumori al seno ma (...) lo studio non ha dimostrato che i parabeni hanno causato il cancro al seno, ma solo che erano presenti nei tessuti". L'American Cancer Society fornisce anche una possibile risposta su come quei "sette non-utilizzatori" di deodoranti/antitraspiranti possano aver "assunto" i parabeni. I parabeni infatti "sono ampiamente usati come conservanti in shampoo, lozioni, cosmetici, e perfino negli alimenti", spiega l'ACS, segnalando addirittura che "altri studi hanno trovato una qualche forma di parabeni nelle urine di circa il 99% degli adulti degli Stati Uniti (...) ma finora gli studi non hanno dimostrato alcun legame diretto tra parabeni e gli eventuali problemi di salute, compreso il cancro al seno". Per quanto riguarda la capacità dei parabeni "di mimare debolmente il comportamento degli estrogeni" (http://is.gd/098bmU) l'American Cancer Society scrive: "Ci sono anche molti altri composti nell'ambiente che imitano gli estrogeni prodotti naturalmente".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: