le notizie che fanno testo, dal 2010

Toxoplasma gondii e l'effetto collaterale anticancro dei gatti

Che la compagnia del gatto faccia bene all'umore è risaputo da secoli. Un gruppo di ricercatori ha però scoperto che il gatto potrebbe celare persino una cura universare contro il cancro. Sembra infatti che le le proteine secrete dal parassita Toxoplasma gondii aiutano il sistema immunitario a distruggere le cellule del tumore.

Finora il parassita Toxoplasma gondii è stato visto unicamente come un possibile pericolo, poiché può provocare la toxoplasmosi nell'uomo ed è soprattutto motivo di preoccupazione per le donne in gravidanza. Al contempo, sono stati visti con diffidenza quegli animali che vengono considerati vettori principali del parassita, cioè i felini. Da oggi in poi però sarà ancora più piacevole avere la compagnia di un gatto e ci si lamenterà di meno quando è il momento di pulirgli la sabbietta.

Alcuni ricercatori della Geisel School of Medicine del Dartmouth College (New Hampshire) hanno infatti scoperto che il Toxoplasma gondii che può trovarsi nelle feci di gatto (ma solo se infetto) può contenere una cura universale per il cancro. Gli scienziati hanno infatti scoperto che le proteine secrete dal parassita aiutano il sistema immunitario a distruggere le cellule cancerose ovariche.

Il team ha quindi sviluppato un vaccino con all'interno un ceppo del Toxoplasma gondii che è stato poi iniettato sui topi. Stando ai primi risultati, il parassita sembrerebbe essere efficace non solo sui tumori delle ovaie, ma con quelli della mammella, dei reni, del fegato e dei polmoni, cioè quelli maggiormente aggressivi e che in alcuni casi è difficile diagnosticare precocemente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: