le notizie che fanno testo, dal 2010

Cancro al pancreas: per una diagnosi precoce si studiano gli aminoacidi

Un nuovo studio apre alla speranza che in futuro i tumori al pancreas possano avere una diagnosi più precoce. Una ricerca pubblicata su Nature Medicine spiega infatti che all'insoergenza del cancro al pancreas si registra un aumento di alcuni specifici aminoacidi. Capirne il meccanismo potrebbe aumentare la sopravvivenza dei pazienti.

Un nuovo studio apre alla speranza che in futuro i tumori al pancreas possano essere diagnosticati più precocemente. Una ricerca pubblicata su Nature Medicine dagli scienziati del Dana-Farber Cancer Institute e del Massachusetts Institute of Technology, spiega infatti che all'insorgenza del cancro al pancreas si registra un aumento di alcuni specifici aminoacidi. Purtroppo, però, tale aumento non è abbastanza significativo per poter pensare di creare un nuovo test per la diagnosi precoce della malattia. Brian Wolpin, che ha guidato il team di ricercatori, sottolinea l'importanza di una diagnosi precoce del cancro a pancreas visto che la sopravvivenza dei pazienti è legata proprio al riconoscimento tempestivo della malattia, poiché la maggioranza muore all'incirca dopo un anno dal riscontro del tumore. "Abbiamo trovato che livelli elevati di aminoacidi a catena ramificata erano presenti nelle persone che hanno continuato a sviluppare il cancro al pancreas rispetto a coloro che non sviluppano la malattia" spiega Wolpin, aggiungendo che ciò ha "portato a ipotizzare che l'aumento di aminoacidi a catena ramificata è dovuta alla presenza di un tumore pancreatico precoce". Pare che l'incremento di questi aminoacidi a catena ramificata sia dovuto ad una rottura del tessuto muscolare, che vanno ad accumularsi nel sangue.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: