le notizie che fanno testo, dal 2010

TBC: ministro Fazio positivio al test della tubercolosi

Il ministro della Salute Ferruccio Fazio si è sottoposto al test per la Tbc ed è risultato positivo. "Essere positivi non significa essere malati" questo il messaggio del ministro rivolto ai genitori dei bambini contagiati al policlinico Gemelli. "State tranquilli" raccomanda Fazio.

Il ministro della Salute Ferruccio Fazio si è sottoposto al test per la Tbc ed è risultato positivo. Il ministro afferma di aver previsto la sua positività al test, data la sua professione di medico e, come afferma in un'intervista al Corriere della Sera (http://is.gd/ZBeEro) "era improbabile che non fossi mai entrato in contatto col batterio e che il mio sistema immunitario non avesse avuto una reazione di difesa". Il ministro ha voluto con questo test "comunicare che essere positivi al batterio della tubercolosi non significa avere la malattia". Fazio sottolinea lo scopo dell'esame a cui si è sottoposto: "Il mio gesto è stato un messaggio ai genitori dei bambini contagiati al policlinico Gemelli. State tranquilli". La notizia della positività al batterio della Tbc del ministro è stata data da Giovanni Rezza, dirigente di ricerca dell'Istituto Superiore di Sanità e direttore del dipartimento di malattie infettive dell'ISS al convegno del Codacons sul tema dal titolo "TBC a Roma: che fare?". Il convegno dell'associazione dei consumatori, come si legge in un comunicato, ha affrontato "altri inquietanti aspetti del caso Tbc al Gemelli, emersi dalle segnalazioni dei genitori che hanno aderito alle azioni legali avviate dal Codacons". Giovanni Rezza ha osservato che il ministro della Salute è positivo al test "come il 12% della popolazione" italiana e che Fazio non si sta curando perché "non ce n'è bisogno". Spiega Rezza: "Le persone positive, se hanno infezioni latenti, non sono a loro volta contagiose e non devono curarsi a meno che in rari casi sviluppino dei sintomi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: