le notizie che fanno testo, dal 2010

Prete finto per 20 anni: confessa fedeli e scrocca pranzi

A Fano, nel comune di Negrar (Verona), un uomo di 84 anni si è finto per 20 anni prete, facendosi chiamare don Tommaso. Celebrava messa, confessava i fedeli, chiedeva offerte per i poveri e si faceva anche ospitare a pranzi, cene e anche per l'ammazzacaffè.

"Predicava moralità e povertà, appariva devoto. Qui in paese tutti ci fidavamo di lui e gli abbiamo dato qualcosa", denunciano gli abitanti di Fane, in provincia di Verona, che per ben 20 anni sono stati presi in giro da un finto prete, che si faceva chiamare don Tommaso. L'uomo, che ora ha 84 anni, non ha mai preso i voti eppure ogni maggio puntualissimo si trasferiva nel comune di Negrar fingendosi sacerdote, celebrando messa, prediche, confessando i fedeli, chiedendo offerte per i poveri, e pare anche facendosi ogni tanto ospitare a pranzi, cene e anche all'ammazzacaffè. Poi don Tommaso, originario di Perugia, verso l'autunno salutava tutti dicendo che doveva ritornare nel proprio monastero.
Monastero che però il giovane e vero parroco don Adrian Cristinel Bulai non ha mai trovato, così come non ha mai ritracciato i superiori dell'uomo, quando "don" Tommaso viene ricoverato all'ospedale Sacro Cuore di Negrar. Da quel momento viene svelato l'inganno e in paese sono tutti esterrefatti, non avendo mai sopettato che quel "prete", che diceva che il proprio cane era la reincarnazione della sorella, fosse solo un impostore.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# cane# Negrar# Perugia# povertà# Verona