le notizie che fanno testo, dal 2010

Nestlè ritira in Italia ravioli e tortellini Buitoni: equino in manzo

Dopo il ritiro in Inghilterra di centinaia di migliaia di confezioni di lasagne alla Bolognose al ragù "di cavallo" marchio Findus, è ora la Nestlè a ritirare, in Italia, "I Ravioli di Brasato Buitoni" e "I Tortellini di Carne" Buitoni. Rinvenuto nel manzo l'1% di carne equina. Lo scandalo allarma l'Europa.

Dall'Inghilterra, dove il consumo di carne surgelata, soprattutto hamburger, è crollato del 40% dopo lo scandalo della carne di manzo mischiata con carne equina, all'Italia. E dalla Findus si passa alla Nestlè. In Inghilterra, infatti, a ritirare centinaia di migliaia di confezioni di lasagne alla Bolognose al ragù "di cavallo" era stata la Findus mentre in Italia è la Nestlè ad informare di aver ritirato "volontariamente in Italia e in Spagna alcuni lotti di prodotti con data di scadenza fino all'8 aprile 2013" e cioè "I Ravioli di Brasato Buitoni" e "I Tortellini di Carne" Buitoni. Come in Inghilterra, anche in questi prodotti, che avrebbero dovuto contenere solo carne di manzo, è stata riscontrata la presenza di carne di cavallo.

La Nestlè spiega che "i test effettuati hanno rilevato tracce di DNA equino in due prodotti a base di carne di manzo fornita da H. J. Schypke. I livelli riscontrati sono di poco superiori all'1%, soglia che la Food Safety Agency usa per indicarne la volontaria presenza - precisando - Nestlé ha quindi sospeso le consegne di tutti i prodotti finiti contenenti carne rifornita dall'azienda tedesca H.J. Schypke, subappaltatrice di uno dei nostri fornitori, JBS Toledo N.V.". I Ravioli di Brasato Buitoni e I Tortellini di Carne, infatti, sono stati "realizzati con materie prime provenienti da questo specifico fornitore", chiarisce la Nestlè, che rassicura i suoi consumatori sul fatto che comunque "non sussistono conseguenze di carattere sanitario e di sicurezza alimentare".

In realtà, a livello europeo il dibattito in merito a questi casi di etichettatura fraudolenta si sta accendendo, tanto che un rapporto presentato da alcuni membri della camera dei Comuni dell'Inghilterra sospetta di una "cospirazione criminale", con il laburista Barry Gardiner che riflette: "Sembra improbabile che individui pronti smerciare cavalli per mucche in violazione delle leggi abbiamo applicato gli standard di igiene richiesti dalle norme. Se certa gente è disposta a mentire su quello che c'è nel tuo cibo, non puoi fidarti che non ci abbiano messo dentro altra roba". La deputata Anne McIntosh diceva infatti convinta: "Pensiamo che ci saranno presto nuove rivelazioni. Questa storia è tutt'altro che finita".

Ed infatti l'Unione Europea ha approvato una serie di test da effettuare su carne di manzo per verificarne la composizione. E a dirsi contraria a questi ulteriori esami di sicurezza è solo l'Italia, a quanto sembra, al contrario della Germania dove verrà varato anche un piano in dieci punti che va al di là di quanto stabilito a Bruxelles, e ciò per verificare l'eventuale presenza negli alimenti di altri additivi non dichiarati in etichetta. Per quanto riguarda la Nestlè, l'azienda assicura di stare "procedendo ad innalzare ulteriormente il nostro esteso programma di assicurazione qualità integrando nuove analisi sulle materie prime bovine per rilevare l'eventuale presenza di DNA di origine equina, prima di procedere con nuove produzioni".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: