le notizie che fanno testo, dal 2010

Falso cieco assoluto denunciato a Lecce ma miope è lo Stato

Un falso cieco assoluto è stato denunciato dalla Guardia di finanza. Da 38 anni percepiva una pensione di invalidità al 100 per cento. Lo scandalo, però, è capire che un cieco vero dall'Inps riceve solo 300 euro al mese, rendendo lo Stato miope sulle necessità di un malato.

La Guardia di finanza ha scoperto e denunciato un cittadino di Lecce che dal 1972 percepiva una pensione di invalidità pur non avendo nessuna malattia.
All'Inps, infatti, l'uomo risultava un "cieco assoluto" e quindi invalido al 100%. Le Fiamme gialle di Gallipoli sono arrivati all'uomo dopo una cosiddetta "soffiata" di un'altro cittadino di Lecce che probabilmente aveva scoperto la frode. Così, per qualche mese, i finanzieri hanno seguito e ripreso l'uomo appurando che era tutt'altro che cieco, visto che conduceva una vita del tutto normale. Nei pedinamenti la Guardia di finanza ha osservato che l'uomo andava a fare la spesa, leggeva, attraversava la strada osservando il semaforo e così via.
L'uomo ora dovrà giustificare i 150mila euro versati dall'Inps in 38 anni. La cosa ancor più inquietante, oltre naturalmente alla truffa, è però il fatto che facendo pochi calcoli viene fuori che un cieco, invalido al 100%, percepisce come pensione poco meno di 4.000 euro l'anno, quindi circa 300 euro mensili! Che un uomo abbia organizzato una frode per 300 euro al mese è sconvolgente, ma appurare che la pensione di un cieco assoluto vero sia di 4.000 euro l'anno fa capire quanto lo Stato sia perlomeno miope riguardo le necessità che ha un malato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# euro# Gallipoli# Inps# Lecce# pensione# truffa