le notizie che fanno testo, dal 2010

Soppressioni Trenord, Orsa: gravi carenze organico. Sciopero treni 14 marzo 2014

Il sindacato Orsa contesta i dati e le dichiarazioni di Trenord, quando spiega che "le cause delle soppressioni dei treni sono dovute ad improvvise malattie del personale". L'Orsa ricorda quindi che venerdì 14 marzo 2014 si svolgerà l'undicesimo sciopero di tutto il personale di Trenord.

In merito all'inchiesta interna avviata da Trenord nel mese scorso contro alcuni quadri aziendali accusati di irregolarità nella gestione degli straordinari dei turnisti, l'azienda che gestisce i treni regionali in Lombardia prosegue nei licenziamenti. Oltre ai due allontanamenti delle scorse settimane, la repubblica.it riporta il licenziamento di altri tre dipendenti Trenord. Il sindacato Orsa organizza questa mattina un presidio nella piazza della Regione Lombardia dei lavoratori di Trenord, per "rivendicare le proprie ragioni nella Manifestazione Pubblica organizzata contro la precarietà del lavoro e per rivendicare un servizio pubblico migliore in Lombardia". In un comunicato stampa, l'Orsa afferma infatti che "a seguito dell'indagine interna avviata da Trenord si è riscontrato un significativo incremento delle soppressioni con conseguenze sulla regolarità del servizio, in questi giorni vengono cancellati giornalmente centinaia di treni. - sottolineando - Per le gravi carenze di organico queste conseguenze erano facilmente prevedibili, in quanto la regolarità del servizio veniva assicurata esclusivamente grazie alle prestazioni straordinarie che in alcuni casi raggiungevano le 17 ore di effettiva prestazione di lavoro, quindi ben oltre le 13 previste dalla Legge".

L'Orsa lamenta quindi il fatto che "oggi (10 marzo, ndr), Trenord annuncia nelle stazioni e dichiara ai mass media che le cause delle soppressioni sono dovute ad improvvise malattie del personale, che secondo Trenord è ben oltre alla media", e contesta i dati dell'azienda che gestisce i treni regionali in Lombardia affermando che "nel mese di febbraio le assenze medie giornaliere per malattia dei Capi Treno sono di 35 agenti rispetto agli oltre 800 impiegati, quindi una percentuale del 4%, ben inferiore a quella nazionale dei lavoratori pubblici e privati e di altre aziende di trasporto. - aggiungendo - Nonostante ai lavoratori sia applicato il nuovo contratto che pesa sulla loro salute (prevede prestazioni di 10 ore al giorno, pranzando alle 16 o cenando alle 23.00) , il numero dei malati nei primi mesi del 2014 è stata inferiore rispetto al dato registrato nel 2013, evidenziamo inoltre che la sostituzione assenti è garantita con personale disponibile in organico". Il sindacato ricorda che "il Contratto Nazionale delle Attività Ferroviarie, applicato in questo istituto anche in Trenord, introduce, per limitare l'assenteismo per malattia, il comporto dei giorni di malattia ovvero individua il limite massimo di assenze oltre al quale l'azienda interrompe il rapporto di lavoro" e per questo precisa che "le dichiarazioni rilasciate da Trenord rischiano di deteriorare ulteriormente il rapporto tra dipendenti e utenti senza affrontare il vero problema delle assunzioni, più che mai necessarie per garantire anche in previsione dell'expo un servizio quantomeno sufficiente".

Il sindacato Orsa auspica quindi che sia il Presidente della Regione sia l'Assessore alla Mobilità si domandino "se in un'azienda pubblica è ammissibile riconoscere centinaia e centinaia di ore di straordinario, quando anche in Lombardia ci sono migliaia di giovani disoccupati", ricordando che venerdì 14 marzo 2014 dalle ore 9:00 alle ore 17:00 si svolgerà l'undicesimo sciopero di tutto il personale di Trenord proclamato contro il contratto di lavoro e per richiedere l'elezione delle RSU / RLS scadute da oltre 7 anni.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: