le notizie che fanno testo, dal 2010

Etichetta: da Parlamento UE segnale importante ma serve completa tracciabilità, dice Cia

"Con l'approvazione da parte dell'aula di Strasburgo della risoluzione sull'indicazione obbligatoria in etichetta del paese d'origine o del luogo di provenienza, l'Europa lancia un messaggio importante sui temi legati alla trasparenza alimentare e alla valorizzazione delle produzioni agricole", espone in una nota la Confederazione italiana agricoltori.

"Con l'approvazione da parte dell'aula di Strasburgo della risoluzione sull'indicazione obbligatoria in etichetta del paese d'origine o del luogo di provenienza, l'Europa lancia un messaggio importante sui temi legati alla trasparenza alimentare e alla valorizzazione delle produzioni agricole" dichiara in una nota il presidente nazionale della Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino.
"Il provvedimento approvato in Parlamento, pur essendo un atto d'indirizzo, contiene importanti sollecitazioni che l'esecutivo comunitario non potrà ignorare - viene riferito dalla Confederazione italiana agricoltori. - Il latte per il consumo diretto e utilizzato come ingrediente nelle produzioni casearie e le carni finora escluse dall'indicazione obbligatoria del luogo d'origine o utilizzate come ingrediente, necessitano infatti di maggiori tutele in etichetta."
"Si tratta - spiega Scanavino - di un passaggio necessario sia per rilanciare la fiducia dei consumatori, sempre più spesso minata da scandali alimentari e da allarmismi, sia per garantire alle imprese agricole uno strumento che riconosca e certifichi sui mercati la distintività delle loro produzioni."
"Un'arma in più quindi, che, se unita al rafforzamento del sistema delle denominazioni di origine, può rilevarsi particolarmente strategica in chiave competitiva sia sul mercato interno sia su quello internazionale. Per queste ragioni è opportuno che all'indirizzo del Parlamento UE segua al più presto una proposta legislativa da parte della Commissione" si prosegue.
"Solo con la completa tracciabilità del prodotto che arriva in tavola, infatti, i 500 milioni di consumatori europei avranno tutte le informazioni necessarie per scegliere cosa comprare, senza rischiare di cadere in inganni e con garanzie per i prodotti 'Made in Italy'. Una misura che tutela allo stesso tempo anche i nostri produttori, che lavorano sulla qualità, l'eccellenza e la genuinità degli alimenti" si comunica in conclusione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: