le notizie che fanno testo, dal 2010

Biotestamento: 6 parroci suonano campane a morto per eutanasia delle Dat

Sei sacerdoti del Molise hanno protestato contro la legge sul testamento biologico suonando le campane a morto "perché la Vita è vittima della morte dall'aborto all'eutanasia delle Dat".

I sacerdoti di Carovilli (Isernia), Castropignano (Campobasso), Duronia (Campobasso), Pietrabbondante (Isernia) e Salcito (Campobasso) hanno deciso di suonare le campane a morto in segno di protesta contro la legge suo testamento biologico, approvata ieri alla Camera.

"Le campane suonano a morto perché la Vita è vittima della morte dall'aborto all'eutanasia delle Dat. Con queste l'Italia ha scelto di far morire, non di far vivere. Prosit", si legge in un manifesto affisso dai parroci, che con questa iniziativa hanno "voluto richiamare l'attenzione delle loro comunità sul funesto evento legislativo, che creerà una grande mole di problemi e minerà alla base la certezza della indisponibilità della vita umana", come si legge in una nota.

I parroci poi "invitano anche tutti a una seria riflessione, ad emendare sostanzialmente al Senato la norma, e bocciarla addirittura come inutile, potendo fare riferimento già alle normative sull'accanimento terapeutico e cure palliative".

Nella legge suo biotestamento, infatti, si identifica come accanimento terapeutico anche la nutrizione e l'idratazione.

© riproduzione riservata | online: | update: 21/04/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Biotestamento: 6 parroci suonano campane a morto per eutanasia delle Dat
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI