le notizie che fanno testo, dal 2010

Terrorista belga parla in esclusiva a Tv7: ebbe contatti con l'Italia

"In esclusiva per la prima volta a 'Tv7', in onda venerdì 1 aprile alle 23.40 su Rai1, parla T.M., il terrorista di cittadinanza belga-tunisina che ha praticato il jihadismo dalla fine degli anni '90 al 2010. L'uomo ebbe ripetuti contatti con l'Italia", riporta in un comunicato la tv pubblica di Stato.

"In esclusiva per la prima volta a 'Tv7', in onda venerdì 1 aprile alle 23.40 su Rai1, parla T.M., il terrorista di cittadinanza belga-tunisina che ha praticato il jihadismo dalla fine degli anni '90 al 2010. Racconta dettagli inediti sulla cellula di Molenbeek e i legami con Al Qaeda. L'uomo, condannato in Belgio a 7 anni di carcere e a 56 anni di detenzione in Tunisia, dove ha ricevuto l'amnistia, ebbe ripetuti contatti con l'Italia e i magistrati milanesi ne chiesero più volte l'estradizione, inutilmente" viene esposto in una nota della tv di Stato.
Dalla Rai chiariscono: "Tra gli altri servizi, dopo il dolore e lo shock degli attacchi jihadisti, in Belgio è l'ora della riflessione e di fare i conti con la paura, che modifica il modo di vivere della gente, e con il nemico interno: il gruppo di jihadisti con il passaporto belga. L'inviato del programma a Bruxelles racconta il nuovo fronte della campagna dell'Isis in Europa che ha in quella belga una delle sue tre cellule attive. Si moltiplicano, inoltre, i fili che legano l'Italia al terrorismo islamico e alcuni portano, ancora una volta, alla provincia di Brescia mentre in città le stazioni della metro sono presidiate e il Procuratore generale della Repubblica da una settimana gira armato. Ma, nonostante la massima allerta, i quartieri ad alta concentrazione di immigrati a Brescia, e in altre città italiane, rimangono lontani dalle 'banlieue' parigine o dal quartiere di Molenbeek a Bruxelles. Obiettivo, inoltre, sull'usura: in Italia, un giro d'affari annuo di 30 miliardi di euro l'anno e almeno 150 mila esercizi commerciali coinvoltio. Un terzo delle imprese non accede al credito bancario e aumenta il numero di quelle che ricorrono agli strozzini, mentre il fondo messo a disposizione dallo Stato rimane spesso bloccato dalla burocrazia. I racconti di Emanuela Alajmo, commerciante a Palermo, e di un imprenditore nel pavese, vittime di usura. E ancora, l'apertura dell'ultimo macro lotto sull'autostrada Salerno-Reggio, in Calabria, ma chi si mette in viaggio continua a soffrire."
"Tra cantieri abbandonati - si chiarisce dunque -, strade dissestate, paesi isolati e automobilisti infuriati, viaggio in una terra dove la viabilità e i collegamenti continuano ad essere un terno al lotto; A quasi due settimane dall'incidente del pullman in Spagna, in cui hanno perso la vita 13 studentesse Erasmus di cui 7 italiane, poi, parla una delle ragazze belghe sopravvissute: il racconto di quei drammatici momenti, il soccorso ai feriti e l'aiuto alla sua migliore amica italiana che ora è finalmente uscita dal coma farmacologico; Obiettivo anche sul rapporto annuale del Censis: sempre più persone di età compresa tra i 65 e gli 80 anni usano i social media."
"E non solo Facebook - si comunica in ultimo -, ma anche Youtube e Linkedin. Un cambio di abitudini su cui pesa probabilmente la necessità di continuare una vita professionale nell'età del pensionamento, ma che è anche indice di una generazione di over 65 sempre più 'giovane'; In chiusura, il ricordo a fondi privati per il restauro di opere d'arte pubbliche; c'è chi li raccoglie attraverso il crowdfunding. L'inviata di Tv7 va alla scoperta di 'LoveItaly!', piattaforma internazionale nata per dare la possibilità a tutti di contribuire alla manutenzione del nostro patrimonio artistico. Un'operazione che presuppone un salto culturale e una stretta collaborazione tra pubblico e privato. Il primo restauro finanziato in questo modo, quello del Sarcofago di Tiaso Marino a Palazzo Corsini a Roma, è già stato ultimato."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: