le notizie che fanno testo, dal 2010

Sparatorie a Copenaghen: ucciso sospetto attentatore

La polizia danese ha sparato e ucciso un 22enne considerato il responsabile delle due sparatorie avvenute sabato a Copenaghen (Danimarca), che hanno causato due morti e cinque feriti tra gli agenti di polizia.

La polizia danese ha sparato e ucciso un 22enne considerato il responsabile delle due sparatorie avvenute sabato a Copenaghen (Danimarca), che hanno causato due morti e cinque feriti tra gli agenti di polizia. Il sospetto autore delle sparatorie è stato ucciso nel quartiere Noerrebro di Copenhagen. Secondo le prime ricostruzioni, il sospetto prima di essere colpito dagli agenti avrebbe aperto il fuoco contro di loro. La prima sparatoria è avvenuta nel pomeriggio di ieri nel corso di un evento dal titolo "Art, Blasphemy and Freedom of Expression", organizzato dall'artista svedese Lars Vilks che aveva ricevuto già diverse minacce dopo aver pubblicato alcune caricature del Profeta Maometto. Ore dopo la sparatoria un membro di 37 anni della comunità ebraica di Copenhagen è stato ucciso e due agenti di polizia sono rimasti feriti nel corso di una sparatoria avvenuta fuori da una sinagoga. "La Danimarca è stata colpita dal terrorismo" aveva dichiarato il primo ministro danese Helle Thorning-Schmidt e, rievocando gli attentati di Parigi contro la redazione di Charlie Hebdo, ha sottolineato: "Vogliono minacciare la nostra libertà di parola".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: