le notizie che fanno testo, dal 2010

Andrea Antonini: due spari alla coscia, da pistola o sparachiodi

Il consigliere circoscrizionale del XX municipio, nella zona nord di Roma, Andrea Antonini, vicepresidente di CasaPound, è stato ferito ad una gamba da due colpi di pistola, o di sparachiodi. Forse "mi hanno scambiato per qualcun altro" racconta Andrea Antonini.

Il consigliere circoscrizionale del XX municipio, nella zona nord di Roma, Andrea Antonini, vicepresidente di CasaPound, è stato ferito ad una gamba da due colpi di pistola, o di sparachiodi. La dinamica dell'incidente, infatti, a tutt'ora non sembra essere ancora del tutto chiara. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per lesioni aggravate. Sembra che il consigliere Andrea Antonini fosse appena uscito dal municipio con il suo scooter e sulla via Flaminia gli si sarebbero affiancate due persone su una moto che avrebbero sparato due colpi alla gamba del politico appoggiando l'arma direttamente sulla sua coscia sinistra. I due in moto, con il volto coperto dal casco integrale, sarebbero poi fuggiti, mentre Andrea Antonini è riuscito a tornare presso la sede del Municipio, da dove poi è stato accompagnato all'ospedale, medicato e dimesso nello stesso pomeriggio. "La prima cosa che ho pensato è che mi hanno scambiato per qualcun altro" racconta Simone Di Stefano, anche lui vicepresidente di CasaPound Italia, dopo aver sentito l'amico. Andrea Antonini è tra i 12 indagati che la notte del 4 novembre 2008 fecero irruzione alla Rai di via Teulada per tentare un blitz negli studi del programma "Chi l'ha visto?", a loro dire "colpevole" di avere mandato in onda delle immagini inedite degli scontri avvenuti, pochi giorni prima a Piazza Navona, tra studenti di destra e quelli sinistra. Sul caso la Procura di Roma contesta ai 12 indagati il concorso in violenza e minaccia aggravate a incaricati di pubblico servizio. Dopo aver appreso la notizia il sindaco di Roma Gianni Alemanno, che solo due giorni fa ha ricevuto una lettera con dentro un proiettile, rivendicata da i GAP, sottolinea la sua "piena solidarietà, umana e istituzionale, al consigliere Antonini", e afferma: "Non vorrei che questo gravissimo episodio ci riportasse a un clima da anni di piombo. Dobbiamo dare il tempo agli inquirenti di verificare la natura di questo grave attentato ma, se fosse confermato il movente politico, sarebbe la riprova di un brutto clima di tensione generato da un livello troppo alto di polemica politica".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: