le notizie che fanno testo, dal 2010

Terremoto Verona e Pianura Padana: magnitudo 4,2 e 4,9. Solo paura

Terremoto a Verona e in Pianura Padana emiliana. Diverse scosse, di cui due di magnitudo un po' più elevata, hanno fatto tremare la popolazione delle zone colpite dal sisma, ma per fortuna non si registrano danni, solo un po' di paura.

Nella zona delle Prealpi venete diverse scosse di terremoto hanno allertato la popolazione. Il primo terremoto con epicentro vicino a Verona è stato registrato alle ore 00.41, di magnitudo 2,7. Una seconda scossa, sempre nella stessa zona e di simile intensità è stata poi avvertita circa 8 minuti dopo. A far spaventare la città di Verona, come tutte quelle limitrofe, è stato però il terremoto registrato dall'IGNV alle ore 00.53 di mercoledì 25 gennaio, di magnitudo 4,2. Come riferisce l'INGV, "l'epicentro è localizzato a circa 11 chilometri a Nord della città di Verona", specificando che "l'area interessata dall'evento è caratterizzata da una pericolosità sismica medio bassa ed i comuni colpiti sono distribuiti principalmente in zona 3 (bassa pericolosità) ed in minor parte in zona 2 (media pericolosità) nella classificazione sismica del territorio nazionale su base comunale". "Tale classificazione - continua l'IGV - deriva essenzialmente dalla notevole entità dei tempi intersismici caratteristici della regione. Storicamente infatti, l'area in questione è stata colpita da pochi terremoti ma di magnitudo rilevante: nel 1891 il terremoto della Valle d'Illasi di magnitudo fra 5.7 e 5.9 e nel 1117 il grande terremoto del Veronese di magnitudo probabilmente superiore a 6.5", ricordando che "negli ultimi 10 anni l'area epicentrale è stata caratterizzata da un'attività sismica strumentale molto bassa". Probabilmente anche per questo la popolazione delle Prealpi venete colpita dai terremoti (ne sono seguiti altri tre ma di magnitudo compresa tra 2,1 e 2,9) si è allrmata, e numerose sono state le chiamate ai vigili del fuoco e alla Protezione Civile, che però sembra aver assicurato che nella zona non ci sono stati danni. A far tremare (è proprio il caso di dirlo) una parte di italiani è stato però anche un ulteriore terremoto di magnitudo 4,9, che ha colpito alle 9.06 di questa mattina la zona della Pianura Padana emiliana, avvertito nelle città intorno a Parma e Reggio Emilia. Una ulteriore scossa di assestamento nella Pianura Padana è stata registrata circa venti minuti dopo, di magnutudo 2,3. Anche in questo caso, un po' di paura ma pare che non ci siano stati danni né, per fortuna, incidenti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: